Calabria7

10 Idee per la Calabria: “chiamata alla rivoluzione”

“Non si può rimanere indifferenti. Stavolta No.  La data del voto si avvicina rapidamente. Facciamo appello a voi, amici, compagni, che ancora brancolate dentro il dubbio: votare o meno, scegliere o non scegliere. In bilico fra il baratro dell’ovvio conosciuto e la speranza di un nuovo rassicurante”.

Lo affermano in una nota Marina Neri e Domenico Gattuso del Movimento 10 Idee per la Calabria.

“A voi che avete lottato insieme a noi,  – scrivono – nelle piazze, nelle stazioni,  nelle sale in fermento, per un ideale, per una causa giusta, per una Calabria dignitosa, per un futuro diverso. Veniamo da lontano e ci portiamo addosso ferite e sconfitte, ma ancora ci destiamo quando sentiamo una canzone degli Inti Illimani, quando rileggiamo le pagine della Resistenza, quando riaffiorano in mente parole e vite di Matteotti, di Gramsci, di Giuditta Levato, di Pertini , di Berlinguer, di Moro, di Falcone, di Borsellino, di Libero Grassi, di Peppino Impastato e di tante altre eroiche figure di ieri e di oggi che trovano casa nel nostro cuore. Non sappiamo fare proclami, e non siamo avvezzi alla retorica roboante e ipocrita.

Vi rivolgiamo un accorato appello per dire che è tempo di schierarsi e armarsi di matita. La Rivoluzione, scriveva Paolo Borsellino, inizia dentro una cabina elettorale. Da una parte conosciamo già l’oscurità imperante, la rapina della nostra dignità dissimulata da false carezze e melliflue promesse. Abbiamo visto i protagonisti all’opera, paghiamo sulla nostra pelle e su quella dei nostri figli i danni incalcolabili che hanno arrecato. Li abbiamo visti nel loro mondo chiuso , credono di potere indefessamente continuare con i loro intrighi in collusione con mafie, massoneria deviata, farabutti di ogni risma. Dietro di loro c’è la Lega che conduce una campagna elettorale in solitaria, quasi a non volersi mischiare coi suoi ingombranti alleati, ma che spera di trarre beneficio dalle trame di potere infidamente architettate.

Dall’altra parte si intravede una luce. Una Speranza. Ha un nome, una storia: Pippo Callipo.  Autorevolezza ed Esempio sono i tratti marcanti del suo profilo che non abbisogna di alcuna presentazione. Autorevolezza ed esempio erano i tratti richiesti nell’appello lanciato un anno fa dal Movimento 10 Idee per la Calabria, con quella lampadina accesa  a rappresentare la voglia di rinascita e luminosità.

Non rimanete alla finestra! Stavolta no! Questa è una chiamata alla Rivoluzione  e voi, amici, compagni, siete persone che il vento del rinnovamento lo avete preso sempre a viso aperto. Non possiamo accontentarci del voto di mera testimonianza o di effimera protesta. Scegliamo il meglio per la nostra terra, – concludono – la nostra gente e poniamoci dal lato giusto della barricata. Una Nuova Resistenza deve contagiare. Facciamo che sia il virus del Bene e dell’operosità positiva e divenire una epidemia. Insieme si può. Per il bene della Calabria e dell’Italia intera”.

Redazione Calabria 7

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“A microfono aperto…”, qualche giorno di vacanza dopo l’odierna chiusura con Bosco

Danilo Colacino

Fabio Guerriero: a Catanzaro il periodo più indegno della nostra storia

manfredi

Catanzaro, Serrao: “Perchè consiglio comunale non rispetta leggi e regolamenti?”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content