Calabria7

Oltre 30mila euro spesi in mobili, Orsomarso si difende: “Poltrone mangiate dai topi”

mobili calabria non è l'arena

di Antonio Battaglia – In Calabria il sistema organizzativo per la somministrazione delle dosi è andato in tilt, ma la Regione nel frattempo spende 31.260 euro per l’acquisto di arredi nuovi per gli uffici di alcuni assessorati. E’ quanto denuncia la puntata odierna di “Non è l’Arena”, trasmissione condotta da Massimo Giletti su La7.

Il giornalista Lino Polimeni ritorna nella Cittadella regionale per chiedere delucidazioni sulla spesa folle ai due assessori Gianluca Gallo e Fausto Orsomarso. “I mobili sono stati assegnati alla sede di Cosenza e ho subito provveduto a restituirli perché non li avevo richiesti” afferma il primo, che viene immediatamente smentito dal responsabile unico del Procedimento Edoardo d’Andrea. In un momento di generale imbarazzo, Gallo sbotta contro i suoi capistruttura e afferma di essere “pronto a rimuoverli” nel caso in cui avessero fatto richiesta dei mobili.

“E’ il decoro minimo”

Le telecamere si spostano poi nel nuovo ufficio dell’assessore regionale al Turismo Fausto Orsomarso, pronto a spiegare che i “10mila euro spesi per la stanza sono soldi destinati ad arredi e manutenzione straordinaria e non spendibili in altro modo”, definendo i nuovi mobili “un decoro minimo”. Dopo la messa in onda del servizio, Orsomarso interviene in diretta affermando di aver “lavorato a prescindere dai mobili, la cui spesa è stata richiesta dall’amministrazione. Non si può commentare una vicenda del genere rispetto a un lavoro che si fa per undici ore al giorno”.

“Lo studio – replica Polimeni, intervenuto telefonicamente – era come quello di Gallo, ricavato da altri uffici vecchi della Regione”. La risposta di Orsomarso come un fulmen in clausura non si fa attendere: “Avete inquadrato le poltrone mangiate dai topi?”.

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Guarisce dal Covid e torna a casa: comune Tiriolo annuncia la lieta notizia

manfredi

Pesca, assessore Gallo chiede al governo variazione periodo di fermo biologico

Matteo Brancati

Decreto Natale al via ma l’errore in Gazzetta Ufficiale diventa virale

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content