Operazione Crypto: narcotraffico e ‘ndrine, Alessandro Scalise lascia il carcere

L'uomo è accusato di importazione, trasporto e spaccio di stupefacenti approvvigionandosi in Germania, Olanda, Belgio, Spagna e Malta

Il gup del Tribunale di Reggio Calabria, Giovanna Sergi, accogliendo l’istanza presentata dagli avvocati Guido Contestabile, Yvonne Posteraro e Francesco Giovinazzo ha gradato la massima misura cautelare, mandando ai domiciliari Alessandro Scalise di Amantea (provincia di Cosenza) indiziato di appartenere all’associazione facente capo a Francesco Suriano. Scalise, imputato nella maxi inchiesta della Dda di Reggio Calabria meglio nota come indagine Crypto, lascerà la casa circondariale di Vibo Valentia per tornare a casa ai domiciliari.

Narcotraffico e ‘ndrine

Narcotraffico e ‘ndrine

Sottoposto a detenzione carceraria nel settembre del 2021 perché indiziato di appartenere ad una strutturata organizzazione criminale composta da sei articolazioni operative e territoriali distinte stabilmente collegate tra loro ed operanti in modo sinergico (clan Cacciola – Certo – Pronestì, clan Cambria – Zagame, clan Vitale Chindamo – Valenzisi, clan siracusano Pizzo – Liistro – Zullo, clan Raso – Viola – clan Suriano), anche tramite ulteriori soggetti allo stato non identificati, al fine di commettere una pluralità indeterminata di delitti di importazione, trasporto, codetenzione e successiva cessione a terzi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, hashish, eroina e marijuana; con fonti di approvvigionamento individuate in Germania, Olanda, Belgio, Spagna e Malta. Il Tribunale del Riesame aveva già ridimensionato la condotta di Scalise escludendo il ruolo di organizzatore che il gip distrettuale, Antonino Foti, aveva invece riconosciuto in capo allo stesso. Il procedimento che lo vede cautelato è in attesa del grado e il 13 ottobre è prevista nell’aula bunker di Reggio Calabria la requisitoria del pm della Procura distrettuale Domenico Cappelleri.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Dalle carte emerge il ruolo di uno dei due vibonesi arrestati: "cerniera" tra il gruppo degli 'esfiltratori' della cocaina e quello dei doganieri corrotti
Nel garage di casa rinvenuti 2 chili di sostanze stupefacenti tra marijuana, hashish e cocaina, tutte etichettate con il finto logo di un marchio di moda
Il gip di Reggio Calabria dispone tre arresti: due vibonesi vanno in carcere e una donna di Gioia Tauro finisce ai domiciliari
l'inviato
Negli ultimi 30 anni su questa arteria di comunicazione sono morti decine di giovani e si sono verificati oltre 2mila incidenti
Sottoposto a verifica ed accertamento mediante etilometro, al conducente è stato rilevato un tasso alcolemico superiore a 1 gr/l
La casa di riposo sarebbe anche stata priva degli adeguati requisiti organizzativi e, persino, di quelli igienico sanitari
"L’avviso per il finanziamento a biblioteche e archivi storici pubblici e il riconoscimento di Taurianova Capitale del Libro 2025 due importanti tappe per questa Regione"
Le imprese giovanili fanno registrare un saldo anagrafico positivo di 420 unità, in recupero rispetto ai livelli pre-pandemici anche le imprese artigiane
Necessario fare luce sul caso delle attrezzature "che rischiano di diventare obsolete, dopo essere acquistate, con grande esborso per le casse regionali"
Ricostruito il coinvolgimento di personale dell'Agenzia delle Dogane in 5 importazioni per oltre 3 tonnellate di cocaina, delle quali 2,7 sequestrate
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved