Calabria7

A Castrovillari: “Il cammino” una manifestazione tra storia e cultura

L’Amministrazione comunale di Castrovillari, attraverso l’Assessorato alla Pubblica Istruzione, partecipa, con altri enti, partner ed organismi, alla tre giorni- dal 26 al 28 agosto-, denominata “il Cammino”, intessuta dall’Associazione Oikos- La Rete di accoglienza- su “La presenza ebraica nel Parco nazionale del Pollino”.
Questa prevede una serie di momenti al Protoconvento francescano e nel rione Civita (dove, lungo via Giudecca, sin dall’epoca sveva- ricordano gli storici- viveva, da qui la denominazione, una Comunità ebraica come in altre località calabresi) grazie a un cofinanziamento della Regione (insieme a Stato, Unione Europea e Parco del Pollino) per la valorizzazione, qualificazione e rafforzamento innovativo del sistema e dell’offerta dei beni culturali presenti in Calabria tra tracce indelebili.

“Un’occasione- richiama l’Assessore Giuseppe Russo- per capire come le migrazioni hanno inciso nella tradizione della nostra gente e sulla storia dei territori. Un’opportunità per conoscere i patrimoni che si sono integrati e che hanno aiutato a costruire insieme, portando al Cuore di ciò che accomuna.”

Così, ogni istante pensato per rendere al meglio cosa è voluto dire questo “rapporto” e, quindi, le visite guidate nel quartiere Giudecca, la mostra sui simboli ed oggetti ebraici , i convegni di approfondimento, gli spettacoli di danza, teatrali e convivi, tra più capacità e testimoni, punta a declinare il tema di tale antica convivenza sperimentata a Castrovillari insieme alla nostra gente, ed a spiegare come l’eredità di chi è venuto prima è qualcosa che si può abbracciare con una creatività nuova che aiuta a comprendere il significato vero di accoglienza e compartecipazione alla costruzione del bene comune.

“E’ questo- aggiunge l’Assessore Russo- che ha condiviso l’Amministrazione Lo Polito. Ed è anche questo il principio che desideriamo rilanciare, certi- precisa- che l’Altro è la risorsa per ciascuno anche nella diversa appartenenza.”

Ecco la “ricchezza” che sorprende e pone il gesto sulla presenza ebraica nel Parco del Pollino, ponte tra mondi diversi, geograficamente e culturalmente lontani, ma che la storia e gli eventi hanno avvicinato, realizzando quel processo di contaminazione che porta con se sfide e opportunità, sempre da affrontare, per riguadagnare degnamente ciò che si è ereditato.

redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Lo Polito richiama alla solidarietà ed al rispetto delle regole

Mirko

Rende, lucidità e concentrazione per battere il Rieti

Antonio Battaglia

Il sistema museale Catanzaro partecipa alla II Giornata dei Musei di Calabria

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content