Calabria7

A Catanzaro il convegno di Coldiretti per “ricreare un collegamento tra anziani e giovani” (VIDEO)

coldiretti catanzaro

‘Dalla tradizione alla modernità: alleanza tra generazioni per il presente e il futuro’. Questo il tema oggetto dell’incontro svoltosi stamattina all’agriturismo Basilea, in località Barone, a Catanzaro, organizzato da Coldiretti Calabria e da Coldiretti Federpensionati Calabria. Secondo Elvira Leuzzi, presidente regionale Federpensionati, “il pensionato di Coldiretti non ha mai smesso le proprie attività legate alla campagna e alle aziende agricole di cui si occupa, e questo perché costituisce un punte fra il passato, della propria esperienza e conoscenza, e il futuro da dare alla famiglia e ai giovani. È notorio – ed è un fatto quasi automatico – che in tutte le famiglie il perno sia il nonno, che in termini di bagaglio affettivo e lavorativo si presta e non si sottrae alle necessità”. Con il suo 43% di pensionati, la Calabria, secondo Leuzzi, è la “regione più anziana d’Europa”.

La storia di Coldiretti

A giudizio di Giorgio Grenzi, presidente nazionale Federpensionati Coldiretti, “per parlare di senior e nuove leve dobbiamo pensare al nostro padre fondatore Bonomi, il quale diede vita all’organizzazione nel ’44, poi nel 1953 costituì immediatamente il movimento giovanile; dieci anni più tardi ‘Donne e impresa’ e nel 1967 Federpensionati”. Per Grenzi, “è necessario che il governo inizi ad affrontare il problema legato agli anziani”, la prima generazione che ha una traiettoria di vita “di 20 anni in più dei nostri padri”. Dal presidente nazionale Federpensionati Coldiretti un consiglio ai calabresi, affinché “utilizzino al meglio i soldi del Pnrr per riaprire le case della salute/case di comunità nelle zone più remote”.

Riscoprire il rapporto fra i senior e i giovani

Secondo Enrico Parisi, delegato Giovani Impresa Calabria, “bisogna riscoprire il rapporto fra i senior e i giovani, perché la giovinezza non è un fattore biologico bensì intellettuale. In alcune situazioni, forse, i giovani hanno smarrito la grinta di ricostruire un tessuto imprenditoriale diverso. La giornata odierna punta dunque a ricreare un collegamento sinergico che possa far capire quanto la tradizione e l’innovazione possano rappresentare la nuova leva strategica del nostro territorio”.

La “saggezza di chi è avanti negli anni”

Nicola Macculi, consulente ecclesiastico nazionale, ha puntato l’accento sulla “saggezza e ricchezza di chi è avanti negli anni. Chi è giovane conosce più cose, grazie agli strumenti a disposizione, mentre chi è più avanti negli anni ha sperimentato una maggiore fatica con il lavoro presso i campi”.

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content