A Catanzaro “Piantiamo il seme della Speranza”

L’associazione Nazionale Vitambiente nell’ambito delle riuscitissime manifestazioni organizzate nel settore sociale, di concerto con il Centro di Giustizia Minorile di Catanzaro ha svolto un importante incontro educativo e di recupero, dal titolo : Piantiamo il seme della Speranza, tale iniziativa oltre ad avere un ruolo educativo e di recupero ha anche il compito di far capire che il rispetto della natura è imprescindibile per il rispetto delle persone,  tramite la piantumazione delle piante si vuole avviare un percorso di cura e di assistenza alla integrazione e al recupero dei  giovani sottoposti a regime restrittivo.

L’incontro si è svolto presso il Centro di giustizia Minorile di Catanzaro, gli intervenuti , oltre al presidente di Vitambiente avv. Pietro Marino, che ha illustrato l’iniziativa finalizzata a far le conoscenze e sviluppare interventi innovativi nell’ambito delle pratiche di giustizia riparativa sono stati: l’Assessore Lobello in rappresentanza del Comune di Catanzaro , che ha sottolineato che l’amministrazione Comunale punta molto sui servizi sociali e intende collaborare in un’ottica di recupero reinserimento sociale dei giovani.

L’incontro si è svolto presso il Centro di giustizia Minorile di Catanzaro, gli intervenuti , oltre al presidente di Vitambiente avv. Pietro Marino, che ha illustrato l’iniziativa finalizzata a far le conoscenze e sviluppare interventi innovativi nell’ambito delle pratiche di giustizia riparativa sono stati: l’Assessore Lobello in rappresentanza del Comune di Catanzaro , che ha sottolineato che l’amministrazione Comunale punta molto sui servizi sociali e intende collaborare in un’ottica di recupero reinserimento sociale dei giovani.

Il Direttore Istituto Penale Minorile dott. Francesco Pellegrino, ha rilevato l’importanza dell’azione rieducativa e del percorso riparativo che i giovani intraprendono nella comunità.

Il presidente tribunale minori Teresa Chiodo, ha posto come obiettivo primario quello di favorire il recupero sociale di detenuti, ex detenuti e persone soggette a provvedimenti dell’autorità giudiziaria, sia adulti che minorenni, specificando che, tali iniziative servono a sviluppare la coscienza critica e la personalità dei giovani.

Il direttore Centro Giustizia Minorile Isabella Mastropasqua, ha sempre sostenuto che tali iniziative devono essere il momento in cui condividere l’elaborazione di un con gli interlocutori pubblici e istituzionali a livello nazionale, con l’intento di evitare che l’attenzione pubblica e della politica su un tema così importante possa non portare ai risultati

Presente, anche il direttore Comunità presso tribunale Massimo Martelli, che ha illustrato le inizative della comunità, inoltre presenti,  alcuni soci VITAMBIENTE e operatori Istituto Penale Minorile nonché i ragazzi ospiti dell’ Istituto Penale Minorile che si sono occupati di piantumare gli alberelli concessi da Calabria Verde e donati da VITAMBIENTE.

Il presidente Avv. Pietro Marino ritine che l’associazione Vitambiente debba trasmettere ai giovani che la  pena deve andare oltre il carcere prevedendo una serie di azioni mirate al raggiungimento di diversi obiettivi, fra i quali: migliorare le abilità dei detenuti e delle persone sottoposte a provvedimenti dell’autorità giudiziaria con percorsi educativi e di accompagnamento territoriale; migliorare le conoscenze e le abilità degli operatori sociali del pubblico e del privato sociale impegnati nei percorsi di accompagnamento territoriale e tutoraggio dei detenuti e delle persone soggette a provvedimenti dell’autorità giudiziaria.
Le pratiche di giustizia riparativa – attivano un percorso di responsabilizzazione delle persone rispetto al reato commesso in un’ottica di comunità. L’adesione ad un percorso riparativo concorre a ricomporre quel “patto di cittadinanza” che è stato infranto con il reato. È l’idea di una pena di comunità, di una gestione della pena e delle conflittualità maggiormente democratica e condivisa, nell’ottica per cui il primo bene da tutelare sono le relazioni tra esseri umani. Vitambiente si prefigge tramite l’educazione ambientale, nel caso di spece la piantumazione degli Alberi di riempire di contenuti positivi una parte del tempo di pena, attraverso attività di mediazione, messa alla prova e l’inserimento in percorsi di impegno volontario, formazione e lavoro anche nella comunità, con iniziative che alla base della propria progettualità prevedano principi e i valori della solidarietà, del mutualismo, della cooperazione e collaborazione.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel concerto di Lamezia Terme i tre musicisti proporranno le composizioni di tre autori distanti nel tempo
Il ricordo del premio Nobel a 110 anni dalla nascita nelle parole del sindaco della sua città e del ministro della Salute
La pena più alta è stata invocata per Leonardo Sacco. Si tratta dell'appello bis dopo gli annullamenti con rinvio della Cassazione
scolacium
"Dietro le intimidazioni del professionista le famiglie di 'ndrangheta dei Bruno, dei Catarisano, dei Procopio e dei Tolone"
Le sue condizioni si sono rapidamente aggravate dopo le dimissioni ed è arrivato in ospedale in arresto cardiaco
Il ministro Valditara parla di decisione presa "sia per questioni didattiche sia perché spesso l'utilizzo improprio è elemento di tensione"
"Dateci la possibilità di riunirci con le nostre famiglie - dice il 41enne siriano - per aiutarci a superare questa sofferenza"
A salvare da donna è stato un vicino di casa che ha sentito le urla ed ha scavalcato il cancello riuscendo a far allontanare il cane
L'incarico al presidente del Consiglio regionale calabrese. Il suo omologo del Lazio, Antonello Aurigemma, è invece il nuovo presidente
Diversi gli episodi raccontati dai due ragazzi che descrivono il padre come una persona assente e distaccata, dai comportamenti minacciosi che degeneravano in vere e proprie aggressioni fisiche
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved