A Cosenza e Cittanova incontri interreligiosi, il console del Marocco: “Straordinari momenti di dialogo”

Istituzioni, esponenti di comunità religiose e cittadini si sono riuniti per riflettere sulle tradizioni alimentari e spirituali

“Gli incontri tra istituzioni, esponenti di comunità religiose e cittadini fondato sulla comprensione reciproca sono momenti di straordinaria opportunità di scambio, cooperazione e stimolo alla crescita personale di ciascuno”. Lo ha detto il console onorario del Marocco in Calabria Domenico Naccari in occasione di due incontri interreligiosi che si sono svolti rispettivamente a Cittanova e Cosenza. “Cibo e religione – è scritto in una nota – sono legati da un connubio antichissimo. Si vede nel rito della messa, ma anche nell’islam, con l’iftar, il pasto conviviale che spezza il diguno nel mese di Ramadan”.

“Il digiuno, nel Ramadan è il quarto pilastro dell’ Islam e consiste nell’ astensione da cio e altre attività, dall’ alba al tramonto. In tale mese, inoltre si intensifica l’attività di preghiera , si compie l’intera lettura del Corano, si praticano ritiri spirituali e si pratica la carità. Il Ramadan sembra quindi assimilabile alla ricorrenza ebraica di Yom Kippur o al periodo cristiano della Quaresima. Come vediamo quindi tutti questi riti includono il cibo (la condivisione e la privazione di esso) e ci fanno capire che le religioni possono dialogare”, afferma.

“Il digiuno, nel Ramadan è il quarto pilastro dell’ Islam e consiste nell’ astensione da cio e altre attività, dall’ alba al tramonto. In tale mese, inoltre si intensifica l’attività di preghiera , si compie l’intera lettura del Corano, si praticano ritiri spirituali e si pratica la carità. Il Ramadan sembra quindi assimilabile alla ricorrenza ebraica di Yom Kippur o al periodo cristiano della Quaresima. Come vediamo quindi tutti questi riti includono il cibo (la condivisione e la privazione di esso) e ci fanno capire che le religioni possono dialogare”, afferma.

All’incontro di Cittanova che si è svolto nella sede del Comune e che è stato organizzato dal presidente del Centro culturale islamico Mohamed El Ghouazi hanno partecipato il sindaco della città Francesco Cosentino, don Letterio Festa della Diocesi di Oppido-Palmi, Ahmed Berraou presidente del Forum Marocco Calabria , .Antonio Stranges segretario regionale della Commissione per il dialogo religioso della conferenza episcopale calabrese, don Salvatore Giovinazzo Parroco di Cittanova, Romolo Piscioneri segretario Cisl città metropolitana di Reggio, Rochi Pugliese rappresentante della comunità ebraica.

Il secondo appuntamento si è tenuto a Cosenza ed è stato uno scambio di auguri Pasqua- Ramadan organizzato da Ahmed Beraou a cui hanno partecipato mons. Giovanni Checchinato arcivescovo metropolita di Cosenza-Bisignano, il sindaco della città Franz Caruso, Ibrahima Diop presidente Intercultura del Comune. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved