A Limbadi il ricordo di Maria Chindamo: “Sette anni di guerra al silenzio”

Sette anni fa, Maria spariva nel nulla davanti al cancello della propria azienda agricola a Limbadi

Come ogni anno, il 6 maggio rappresenta per la famiglia Chindamo una data che è ancora una ferita dolorosissima e aperta. È il giorno in cui Maria sparì nel nulla davanti al cancello della propria azienda agricola sita in contrada Montalto, nel comune di Limbadi. E ogni anno, in questo giorno, quel triste luogo con tanti interrogativi si popola di gente. I familiari dell’imprenditrice originaria di Laureana di Borrello, i conoscenti ma anche tante persone che sono rimasti colpiti dalla tragica vicenda e che non vogliono far mancare il loro apporto ai congiunti che da sette anni chiedono giustizia.

Lì, stamani c’era anche Vincenzo, fratello di Maria, che con una forza straordinaria sta lottando per far venire a galla la verità su quel giorno: “Sette anni di guerra al silenzio” ha commentato ricordando le battaglie condotte in tutto questo tempo ma finora, purtroppo, senza risultato. C’era, tra gli altri, anche il sindaco di Limbadi, Pantaleone Mercuri e il prefetto Paolo Giovanni Greco, nonché il questore di Vibo, Cristiano Tatarelli e il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro che ha sottolineato come Maria Chindamo “sia morta per difendere le sue terre, il suo lavoro. Questo è un territorio che deve liberarsi della macchia della famiglia Mancuso, lo dobbiamo dire e non sottovoce”. Quindi gli interventi di Don Pino De Masi di Libera, Amalia Giordano dell’Anpi, Carlo Tansi, Sergio Gaglianese, vice presidente di Confassociazioni, Giuseppe Borrello, di Libera Vibo in un giorno in cui la speranza si riaccende così come il ricordo di una donna, madre di due figli, inghiottita dalla lupara bianca. (f.p.)

Lì, stamani c’era anche Vincenzo, fratello di Maria, che con una forza straordinaria sta lottando per far venire a galla la verità su quel giorno: “Sette anni di guerra al silenzio” ha commentato ricordando le battaglie condotte in tutto questo tempo ma finora, purtroppo, senza risultato. C’era, tra gli altri, anche il sindaco di Limbadi, Pantaleone Mercuri e il prefetto Paolo Giovanni Greco, nonché il questore di Vibo, Cristiano Tatarelli e il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro che ha sottolineato come Maria Chindamo “sia morta per difendere le sue terre, il suo lavoro. Questo è un territorio che deve liberarsi della macchia della famiglia Mancuso, lo dobbiamo dire e non sottovoce”. Quindi gli interventi di Don Pino De Masi di Libera, Amalia Giordano dell’Anpi, Carlo Tansi, Sergio Gaglianese, vice presidente di Confassociazioni, Giuseppe Borrello, di Libera Vibo in un giorno in cui la speranza si riaccende così come il ricordo di una donna, madre di due figli, inghiottita dalla lupara bianca. (f.p.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved