Calabria7

“A microfono aperto…”, la cura medica ed empatica del paziente spiegata dal radiologo Blandini

di Danilo Colacino – Una forma di empatia con il paziente, che viene seguito come fosse uno di famiglia o quantomeno un vecchio amico in seria difficoltà. Una persona, magari affetta da una grave patologia, di cui prendersi cura non solo attraverso i metodi diagnostici e le successive terapie apprestate dalla Medicina bensì anche da curare prima di tutto nello spirito e nel morale, di colpo fiaccati dall’improvvisa scoperta di una brutta malattia. Ecco uno degli aspetti fondamentali messi in luce da Alessandra Blandini, radiologo di fama nazionale intervenuta ieri in uno degli Speciali Sanità di “A microfono aperto…”. Nell’ultima puntata in ordine di tempo della nostra trasmissione, edita da calabria7.it, abbiamo infatti ospitato una luminare della diagnostica, pesarese di nascita ma calabrese d’adozione, che ha ereditato la gestione del Centro sanitario fondato oltre mezzo secolo fa dal padre Alfonso appunto a Pesaro. Ma lo stesso insigne clinico – al pari del marito della Blandini, l’avvocato e dg del Centro Francesco Ferrari Platì – vanta natali catanzaresi. Un fatto che ha peraltro visceralmente legato la dottoressa Blandini alla terra di Calabria.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Racket e usura, Bova incontra associazioni calabresi

Mirko

Coronavirus, medico di base positivo al tampone nel Cosentino

Maurizio Santoro

Coronavirus a Stefanaconi, il sindaco decide di rinviare l’apertura delle scuole

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content