Call Center TIM, i sindacati annunciano sciopero in tutte le sedi e chiedono incontro con i vertici nazionali

Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
abramo customare care

Le Segreterie Nazionali SLC Cgil Fistel Cisl Uilcom Uil inviano una lettera al MIMIT, e per conoscenza all’Ing. Giorgio Maria Tosi Beleffi e al dottor Mattia Losego, avente come oggetto la richiesta urgente di aggiornamento tavolo crisi call center per quanto riguarda la Abramo Customer Care. I sindacati manifestano preoccupazione per il calo di volume delle attività e affermano che “la situazione sta degenerando in tutti i territori impattati”, Livorno, Roma, Pomezia (RM), Matera, Montalto Uffugo (CS), Rende (CS), Crotone, Catanzaro, Palermo, Cagliari, Olbia. In una seconda lettera, annunciano uno sciopero per tutta la giornata, in tutte le attività di customer care di TIM, giorno 18 marzo.

Le lettere:

Le lettere:

“Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, – affermano – considerato il peggioramento delle condizioni delle varie vertenze in corso su aziende operanti in ambito call center in outsourcing, richiedono incontro urgente a codesto Spettabile Ministero al fine di individuare le opportune soluzioni, onde evitare ingenti impatti occupazionali. Come preannunciato nel corso dello scorso incontro del 22 febbraio, la situazione, nel sistema degli appalti customer care di TIM, sta degenerando mese su mese”.

“In particolare: Abramo CC in AS, per il mese di marzo è stata effettuata una pianificazione dell’ammortizzatore sociale di circa il 60%. Con una condizione di incertezza totale anche sulla proroga delle attività, tenuto conto che ad oggi nonostante le rassicurazioni politiche in tal senso, i commissari straordinari non hanno fornito alcuna notizia in merito. In ogni caso anche in presenza formale di una proroga contrattuale, la carenza dei volumi certificata dall’ammortizzatore sociale programmato per il mese in corso, conferma le preoccupazioni sindacali . Callmat ha avviato formalmente la richiesta di ammortizzatore sociale, in attesa di convocazione presso il Ministero del Lavoro, con percentuali di cassa integrazione a partire dal 30% con previsioni di innalzamento nei mesi futuri.”

“Ennova e Konecta hanno annunciato cali di volumi sulle varie attività gestite per conto del committente TIM. In questa fase la riduzione di attività è gestita con utilizzo di istituti contrattuali che, terminando a breve, stante la conferma dei volumi comunicati per i prossimi mesi, sarà ineludibile l’avvio della richiesta di accesso agli ammortizzatori sociali. La situazione sta degenerando anche dal punto di vista della tenuta sociale nei territori impattati, Livorno, Roma, Pomezia (RM), Matera, Montalto Uffugo (CS), Rende (CS), Crotone, Catanzaro, Palermo, Cagliari, Olbia pertanto al fine di sollecitare l’intervento di tutti gli attori coinvolti nella vertenza, istituzioni nazionali e locali, committenze ed outsourcing, a sostegno della rivendicazione sindacale per una piena e completa tutela occupazionale, le organizzazioni sindacali hanno proclamato un primo sciopero su base nazionale per il prossimo 18 marzo, per poi proseguire la mobilitazione , in assenza di soluzioni positive della vertenza, con ulteriori iniziative anche territoriali ed aziendali, da svolgersi tra i mesi di marzo e aprile. Tenuto conto di quanto sopra descritto, si richiede incontro a carattere di urgenza. Certi di un vostro pronto riscontro, Distinti Saluti. Le Segreterie Nazionali
Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil”.

Le stesse segreterie hanno indirizzato una seconda lettera ad Abramo CC in AS, Ennova, Gruppo Distribuzione e Konecta e per conoscenza alla Presidenza Consiglio dei Ministri, Ministero del Lavoro, Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Regioni Toscana, Lazio, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Province Livorno, Roma, Matera, Cosenza, Catanzaro, Crotone, Palermo, Cagliari, Olbia, alle Prefetture di Livorno, Roma, Matera, Cosenza, Catanzaro, Crotone, Palermo, Cagliari, Olbia e alle Questure di Livorno, Roma, Matera, Cosenza, Catanzaro, Crotone, Palermo, Cagliari, Olbia. Oggetto della seconda lettera è la proclamazione dello sciopero su attività Customer care TIM.

La seconda lettera:

“Le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, considerato l’ingiustificato calo di volumi lineare che ha impattato le aziende operanti in appalto sulle attività di gestione clienti per TIM, che ad oggi occupano, tra le 4 aziende indicate in calce, oltre 5mila addetti. Tenuto conto che tra le richieste di ammortizzatori sociali già formalizzate e quelle che saranno presentate nei prossimi giorni emergono esuberi per 1500 addetti dal mese di marzo 2024 fino ad arrivare ad oltre 2000 entro il termine dell’anno; proclamano sciopero per l’intera giornata del 18 marzo 2024”.

“Lo sciopero interesserà le lavoratrici ed i lavoratori operanti su tutte le attività di customer care di TIM, secondo la suddivisione territoriale ed aziendale di seguito indicata: ABRAMO CC in AS: Montalto Uffugo (CS), Catanzaro, Crotone, Palermo. ENNOVA: Pomezia, Crotone, Cagliari. GRUPPO DISTRIBUZIONE: Roma, Matera, Palermo. KONECTA: Livorno, Rende (CS), Palermo, Olbia. Distinti Saluti, le Segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
il post
La ricorrenza è un'occasione per riflettere sul ruolo cruciale della lettura nel nostro sviluppo culturale e sociale
Nei suoi confronti anche minacce: "Insieme al mio legale ho relazionato tutto quello che mi sta accadendo nelle sedi opportune"
L'ipotesi prevalente è che si possa essere trattato di un suicidio ma i carabinieri intervenuti sul posto non escludono al momento piste
Stava fissando dei pannelli di insonorizzazione sul soffitto. I funerali in Calabria dove la sua famiglia è molto nota
Per tutti i candidati ammessi sarà svolta la prova preselettiva presso l’ente fiera Giovanni Colosimo nel quartiere Lido
Operazione della Polizia Locale impegnata a verificare il rispetto delle regole per il conferimento del materiale non differenziato
La Finanza ha dato esecuzione a un doppio sequestro preventivo di oltre 3 milioni di euro. Complessivamente gli indagati sono nove
Da domenica mattina si sono perse le tracce di un minore di 17 anni di nome Donato che si è allontanato dalla sua abitazione nel quartiere di Nicastro
Blitz della Squadra Mobile che ha identificato i presunti autori. Due sono minorenni e avrebbero sottratto 3800 euro e diverse confezioni di sigarette elettroniche
Un’iniziativa che ha coinvolto 100 studenti selezionati tra i corsi di laurea magistrale, di dottorato e master provenienti dalle principali università d’Italia
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved