Calabria7

Accoltellato e trovato agonizzante in un parcheggio, 30enne muore in ospedale

È stata la fidanzata a trovarlo agonizzante nel parcheggio dove avevano lasciato l’auto, ma nonostante la corsa in ospedale per il 30enne Mattia Caruso non c’è stato nulla da fare ed è stato dichiarato morto poco dopo l’accesso in Pronto Soccorso. È accaduto domenica nel piccolo comune di Abano Terme, in provincia di Padova, e sulla vicenda stanno indagando i carabinieri del comando provinciale. La vittima, stando al primo esame effettuato dal medico legale, è stato infatti colpito al cuore con una coltellata. Tutto si sarebbe consumato in pochi minuti nella notte tra domenica 25 e lunedì 26 settembre: Mattia Caruso, residente a Albignasego, era in compagnia della fidanzata con la quale aveva trascorso la serata in un locale quando sono usciti per dirigersi alla macchina che avevano lasciato in un parcheggio vicino.

Trovato agonizzante in un parcheggio

A raccontare i dettagli dell’accaduto è la fidanzata del 30enne che l’ha soccorso per prima: ai militari ha infatti raccontato che quando sono usciti, lei si è diretta alla macchina, lui si è allontanato un attimo nel grande parcheggio. Ed è in quel momento probabilmente che qualcuno ha aggredito Mattia e lo ha accoltellato. Il 30enne è infatti tornato in auto, sanguinante, dove ha trovato la fidanzata che accortasi dell’accaduto ha immediatamente lanciato l’allarme. Sul posto sono giunti i carabinieri insieme ai soccorritori del 118 che hanno trasportato l’uomo in ospedale a Padova. Nonostante i tentativi di salvarlo, per lui non c’è stato nulla da fare. Al momento non è esclusa alcuna ipotesi: i militari hanno acquisito le immagini delle videocamere di sorveglianza della zona dove è stato ritrovato il corpo del 30enne che potranno, si spera, essere utili ad acquisire elementi per rintracciare l’assassino. (Fanpage)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Oms: ‘Il rischio di pandemia è molto reale’

manfredi

Covid-19, Usa primo paese per contagi. Trump a Xi: “Lavoriamo insieme”

Andrea Marino

‘Ndrangheta in Emilia, altro ergastolo per il boss Nicolino Grande Aracri

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content