Calabria7

Acqua e vino in capannone con escrementi, sequestro nel Catanzarese

coronavirus locride

Acqua minerale e vino tenute in precarie condizioni igieniche.

Per questo motivo uomini del Nas di Catanzaro guidati dal tenente Pizzurro, unitamente al locale Norm radiomobile della compagnia di Lamezia Terme e del personale dell’Icqrf Calabria e dell’Asp hanno disposto il sequestro di 50.000 bottiglie di acqua minerale e 25.000 di vino cileno tenute in condizioni igieniche precarie all’interno di un capannone industriale abbandonato, in uso ad un noto supermercato di via del Progresso, l’acqua, e un’altra azienda di Lamezia, il vino.

Il capannone è risultato essere assolutamente inidoneo alla conservazione di alimenti e sul pavimento e sulle confezioni di acqua erano presenti anche escrementi di animali. Indagini sono in corso per verificare la provenienza effettiva del vino e l’eventuale avvenuta sofisticazione con grave pregiudizio per la salute degli ignari consumatori.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Eroina, detenzione ai fini di spaccio: arrestato 56enne a Reggio

Mirko

Ufficialmente al via l’ottava edizione del presepe vivente di Simeri (VIDEO)

manfredi

Per depistare il narco-test sostituisce urina con l’acqua, arrestato

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content