Calabria7

Ad Ancona minorenne via dalla famiglia per un fidanzamento forzato

Una minorenne di origine africana che vive nella provincia di Ancona si trova in una comunità protetta dopo che la famiglia l’aveva fatta fidanzare, contro la sua volontà, ad un connazionale promettendogliela in sposa. Un caso molto simile, almeno nelle premesse, a quello di Saman Abbas, la 18enne pachistana scomparsa da Novellara lo scorso aprile dopo che si era ribellata alla famiglia per delle nozze combinate.

Da oltre un mese la giovanissima ha lasciato l’abitazione dei genitori, che sono di religione musulmana, ed è al sicuro in una località sconosciuta. Dopo il fidanzamento forzato, la ragazzina si è confidata a scuola (frequenta regolarmente le superiori) e sono stati allertati i servizi sociali prima e la Procura dei minorenni poi. È stata quest’ultima, ravvisando un pericolo reale, a sospendere la potestà genitoriale e ad ottenere l’allontanamento almeno fino a quando il quadro non sarà chiarito. La ragazzina non avrebbe ricevuto minacce di morte dai familiari. Il fidanzamento sarebbe avvenuto in Italia e il futuro sposo avrebbe un paio di anni più di lei.
© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, se in Cina è ai minimi in Italia torna la paura. Ma qualcuno mente

Giovanni Bevacqua

Muore Gugliemo Epifani, il cordoglio del Pd calabrese

Maria Teresa Improta

Coronavirus, De Luca: “A Natale vieteremo lo spostamento tra piccoli comuni”

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content