Calabria7

Aggrediscono carabinieri e si barricano in casa, arrestati due fratelli nel Cosentino

operazione Crypto

Due fratelli del luogo, rispettivamente di 30 e 32 anni, sono stati arrestati sabato sera a Corigliano Rossano, nella frazione di Villaggio Frassa. Sono accusati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate, rifiuto di fornire le proprie generalità e possesso ed utilizzo improprio di oggetti atti ad offendere. Tutto ha avuto inizio intorno alle ore 20, quando una pattuglia dei Carabinieri della locale compagnia, impegnata in un posto di controllo nella frazione di Villaggio Frassa, è stata attirata dalla musica ad alto volume e dalle grida provenienti da una via limitrofa. Giunti sul posto i militari hanno trovato due ragazzi che facevano baldoria all’interno di un’auto, nonostante il lockdown. I carabinieri hanno chiesto i documenti d’identificazione e quelli del veicolo ai due uomini che, invece, si sono chiusi nell’auto iniziando a minacciare i carabinieri. Questi ultimi, poco dopo, sono stati aggrediti e i due sono scappati rifugiandosi all’interno della loro abitazione, distante pochi metri. Sul posto sono arrivate diverse gazzelle dei Carabinieri che hanno circondato l’abitazione.

I due uomini asserragliati in casa sono stati identificati attraverso la targa del veicolo, tra l’altro sprovvisto della copertura assicurativa. I militari hanno avviato una lunga trattativa con i due fratelli per farli uscire dall’abitazione ma, dalle grate delle finestre, sono stati lanciati coltelli, vasi, generi alimentari, alcuni dei quali hanno colpito i carabinieri. Infine i due sono usciti con una zappa brandendola contro i carabinieri prima di lanciarla senza colpire nessuno. I militari hanno deciso di i chiamare i Vigili del Fuoco per forzare l’ingresso dell’abitazione. Mentre i pompieri forzavano la porta, i militari hanno colto di sorpresa i due fratelli, storditi mediante l’utilizzo degli spray urticanti in dotazione. Rimossa la porta, dopo una colluttazione, i due fratelli sono stati arrestati. Alcuni militari, a seguito delle colluttazioni e del lancio di oggetti con cui sono stati colpiti, hanno fatto ricorso alle cure del pronto soccorso. I due fratelli, d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari, sono stati arrestati e posti agli arresti domiciliari nella loro abitazione, in attesa di essere giudicati con rito direttissimo, mentre il loro veicolo è stato sequestrato.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus in Calabria, 318 nuovi casi e 6 morti nelle ultime 24 ore

Giovanni Bevacqua

Capodanno, sequestrati 120 chili di botti e 3 denunce a Crotone

Giovanni Bevacqua

Coronavirus in Calabria, cresce il numero dei ricoveri: ecco la mappa

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content