Calabria7

Aggrediscono un 41enne sfregiandogli il volto, arrestati padre e figlio nel Cosentino

rapina cosenza

I carabinieri di Cosenza, con il supporto della stazione di San Giovanni in Fiore hanno dato esecuzione ad un’ordinanza che dispone l’applicazione della misura della custodia cautelare agli arresti domiciliari, un 38enne e un 62enne, padre e figlio, residenti nel centro florense, ritenuti responsabili di lesioni personali aggravate, minaccia aggravata e  porto di armi od oggetti atti ad offendere. I fatti risalgono all’ ottobre del 2019 quando i due hanno aggredito un 41enne nei pressi di un supermercato: si sono avvicinati all’uomo, immobilizzandolo alle spalle e successivamente minacciandolo di morte.

I due indagati agli arresti domiciliari

In quei concitati attimi, uno dei due aggressori, brandendo un coltello, lo feriva sul lato sinistro del volto, procurandogli serie lesioni.  Nelle attività immediatamente successive all’evento, i militari provvedevano ad avviare le indagini, rivolgendo in particolare la loro attenzione alle telecamere di videosorveglianza presenti sul posto, nonché all’escussione a sommarie informazioni della vittima. Grazie alla visione dei filmati dell’accaduto, acquisiti nell’immediatezza dei fatti, i carabinieri riuscivano ad identificare i due soggetti responsabili dell’aggressione.
Tenendo, inoltre, conto del referto medico rilasciato alla vittima che aveva riportato gravi ferite, giudicate guaribili in 25 giorni, è stato delineato un quadro chiaro ed inequivocabile. A seguito di quanto documentato, il GIP presso il Tribunale di Cosenza, su richiesta dalla locale Procura che ne aveva sottolineato la gravità e la pericolosità sociale degli autori, decideva l’applicazione della misura della custodia cautelare agli arresti domiciliari per i due indagati, che sono stati dunque ristretti presso le proprie abitazioni.
© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Il Ministero dell’Interno fissa la data delle elezioni, al voto 83 Comuni calabresi

Maria Teresa Improta

Perseguita donna nonostante divieti e finisce ai domiciliari

Matteo Brancati

Parco archeologico antica Sibari, Papasso: “In totale abbandono”

Maurizio Santoro
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content