Aggressione a medici e infermieri a Vibo: “Carenza di risorse è attacco alla sanità pubblica”

Carenza di personale, carichi di lavoro ingestibili e fuga di operatori sanitari, definanziamento del Fondo sanitario, inflazione e caro energia: la denuncia della Cgil
Pronto soccorso di Vibo

“La recente aggressione ai danni di una dottoressa e di un infermiere della Guardia Medica di Soriano Calabro è solo uno degli ultimi episodi che stanno rendendo sempre più insostenibile il clima in cui i nostri operatori sanitari sono costretti a svolgere il proprio lavoro. Questi atti di violenza sono ingiustificati e ingiustificabili. Il personale sanitario, che svolge un ruolo cruciale nella salvaguardia della nostra salute, merita il massimo rispetto e protezione”. E’ quanto afferma il segretario generale della Cgil Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo, Enzo Scalese.

“I dati dell’Inail sono eloquenti: nel solo 2022 sono stati registrati oltre 1.600 casi di aggressione al personale sanitario, un incremento rispetto agli anni precedenti. Questo è un segnale allarmante e ci impone di riflettere sulle cause profonde di questo fenomeno – afferma ancora Scalese -. La carenza di risorse professionali e finanziarie nel nostro Sistema Sanitario Nazionale (Ssn) contribuisce in modo significativo a questa emergenza. Nel corso degli ultimi dieci anni, abbiamo assistito a un progressivo definanziamento del Ssn di circa 37 miliardi di euro. Queste scelte politiche hanno minato la solidità del nostro sistema sanitario, creando lacune che si ripercuotono direttamente sulla qualità dell’assistenza e sulla sicurezza del personale”.

Carenza di personale, carichi di lavoro ingestibili e fuga di operatori sanitari, definanziamento del Fondo sanitario, inflazione e caro energia, denuncia la Cgil. “Il tutto mentre peggiora la qualità del servizio, tra liste di attesa che si allungano e pronto soccorso che vanno in tilt con tempi di risposta infiniti. Sotto questo peso la Sanità pubblica in Italia sta letteralmente crollando, mentre si allarga il peso del privato e si fanno largo le esternalizzazioni. Una menzione a parte merita la grave situazione del sistema sanitario in Calabria, le cui condizioni sono state ulteriormente peggiorate dai disastrosi gli effetti di oltre un decennio di commissariamento: un disavanzo di 113 milioni, livelli essenziali di assistenza sotto la soglia e una migrazione sanitaria verso il Nord che svuota le casse della regione. Situazione che nelle mani del commissario ad acta Roberto Occhiuto, dal 2021 ad oggi, non si può certo definire migliorata: e i ‘fatti’ di Vibo lo dimostrano”.

Il sindacato sostiene la decisione della Prefettura di Vibo Valentia di convocare una riunione del Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica: “E’ fondamentale collaborare con le istituzioni competenti per trovare soluzioni concrete e immediate a questa emergenza – sottolinea il segretario generale della Cgil Area Vasta -. Così come è urgente agire per invertire la tendenza attuale e ripristinare la fiducia nella sanità pubblica: è essenziale investire nelle risorse umane e nelle infrastrutture delle aziende ospedaliere. La formazione e l’assunzione di professionisti sono passi fondamentali per garantire un servizio sanitario efficiente e sicuroLa medicina territoriale va rafforzata, non smantellata, come pretende il commissario dell’Asp di Vibo che pensa di migliorare la situazione chiudendo le Guardie mediche. Pensiamo alle prestazioni sanitarie di primo livello e pronto intervento che hanno come scopo quello di prevenire l’aggravarsi delle condizioni della persona e, allo stesso tempo, si pongono come alternativa all’ospedalizzazione. La medicina dei servizi territoriali è un filtro tra l’assistenza sanitaria gestibile a livello ambulatoriale e una più specialistica che necessita di una struttura adeguata, e consente di evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere, provvedendo ad un servizio di prima assistenza ai pazienti dimessi da strutture sanitarie o con patologie croniche”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La 20enne era stata rapita dal padre e non riusciva a tornare in Italia, a casa della mamma, per le vie legali
L’ateneo di Reggio Calabria ha potenziato l’offerta formativa per il prossimo anno accademico 2024/2025 con le nuove triennali
La vicenda giudiziaria ha avuto inizio nel 2011. Gli inquirenti contestarono una lunga serie di abusi edilizi, realizzati a partire dal 1979
Antonio Decaro ha partecipato ad un incontro in Calabria con il senatore Nicola Irto, l'arcivescovo Giovanni Checchinnato e il sindaco Caruso
In programma numerosi appuntamenti durante due giorni, con maschere, sfilate e divertimento per i grandi e i piccoli
L'anno scorso le denunce di infortunio con esito letale sono state 1.041 in tutto il Paese, 49 in meno rispetto al 2022
L’iniziativa sarà aperta al pubblico e avrà lo scopo di valorizzare gli investimenti dell’amministrazione regionale nel settore turistico
Al convegno Fidapa ne discuteranno primari ospedalieri, ostetriche, docenti e avvocati all’istituto tecnico Malafarina di Soverato
La salma e la documentazione sanitaria sono state sequestrate per gli accertamenti. La verifiche medicolegali dovranno determinare le cause del decesso
Sul luogo carabinieri, polizia e polizia locale. Nessuna ipotesi è esclusa al momento, compresa quella di un gesto volontario
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved