Ai domiciliari finge un malore per andare a casa dell’ex e incendiarle l’auto: giovane arrestato a Rossano

La vicenda è iniziata alla fine dello scorso mese di febbraio, quando il ragazzo è stato arrestato perché ritenuto gravemente indiziato di "atti persecutori"

Nelle prime ore di questa mattina i Carabinieri della Stazione di Rossano e del Nucleo Operativo e Radiomobile del Reparto Territoriale di Corigliano Rossano, con il coordinamento investigativo della Procura della Repubblica di Castrovillari, diretta dal Procuratore Capo Alessandro D’Alessio, hanno arrestato un 22enne, gravemente indiziato dei reati di “evasione” e “incendio”.

La vicenda è iniziata alla fine dello scorso mese di febbraio, quando il ragazzo è stato arrestato perché ritenuto gravemente indiziato di “atti persecutori”, attuati nei confronti di una minorenne con la quale aveva condiviso una relazione sentimentale nei quattro anni precedenti. L’adozione del provvedimento restrittivo era avvenuta dopo che il ventiduenne era stato sorpreso con un coltello nei pressi del luogo di lavoro della ragazza, dove aveva preteso di vederla per un “ultimo e definitivo chiarimento”. A seguito di quella vicenda il ragazzo era stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Rossano Centro, dove veniva controllato anche per mezzo del «braccialetto elettronico» che gli era stato applicato. Una situazione rimasta stazionaria sino alla notte del 1° maggio 2024, quando il giovane sottoposto agli arresti domiciliari ha richiesto l’intervento di un’ambulanza del 118 perché sosteneva di non sentirsi bene. Per questa ragione è stato trasportato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Rossano, dove i medici lo hanno visitato e dimesso nel giro di poco.

La vicenda è iniziata alla fine dello scorso mese di febbraio, quando il ragazzo è stato arrestato perché ritenuto gravemente indiziato di “atti persecutori”, attuati nei confronti di una minorenne con la quale aveva condiviso una relazione sentimentale nei quattro anni precedenti. L’adozione del provvedimento restrittivo era avvenuta dopo che il ventiduenne era stato sorpreso con un coltello nei pressi del luogo di lavoro della ragazza, dove aveva preteso di vederla per un “ultimo e definitivo chiarimento”. A seguito di quella vicenda il ragazzo era stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Rossano Centro, dove veniva controllato anche per mezzo del «braccialetto elettronico» che gli era stato applicato. Una situazione rimasta stazionaria sino alla notte del 1° maggio 2024, quando il giovane sottoposto agli arresti domiciliari ha richiesto l’intervento di un’ambulanza del 118 perché sosteneva di non sentirsi bene. Per questa ragione è stato trasportato presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Rossano, dove i medici lo hanno visitato e dimesso nel giro di poco.

Dopo gli accertamenti diagnostici il ragazzo è rimasto nella sala di attesa del presidio sanitario rossanese per qualche minuto, da dove poi, secondo la ricostruzione effettuata, è uscito ed ha percorso la strada necessaria per raggiungere l’abitazione dove vive la sua ex ragazza, verso la quale aveva già attuato la condotta persecutoria culminata con il concreto rischio di quell’ultimo chiarimento. Sotto il palazzo avrebbe poi appiccato l’incendio dell’autovettura in uso alla famiglia della ragazza, le cui fiamme si sono estese ai due veicoli parcheggiati a fianco, mettendo anche a rischio tutte le persone che abitano in quel complesso residenziale. Una situazione di estremo pericolo che, solo per alcune circostanze favorevoli, non ha avuto altre e ben più gravi conseguenze. A seguito dell’incendio del mezzo il ragazzo è rientrato presso i locali dell’ospedale, da dove ha contattato i Carabinieri per segnalare che era stato dimesso e poteva tornare a casa, mentre per ripristinare le condizioni di sicurezza sono intervenuti i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri che, contestualmente, hanno iniziato a raccogliere gli elementi di prova a sostegno dell’ipotesi accusatoria culminata con l’arresto di questa mattina. Quello svelato dalle indagini – qualora confermato in sede processuale – appare essere un piano studiato nel dettaglio e finalizzato a riversare tutta la rabbia di un soggetto rivelatosi pericoloso per la vittima e la famiglia di questa. Sulla scorta dei gravi e concordanti elementi probatori raccolti, il 22enne è stato colpito da una misura cautelare per l’«incendio» e l’«evasione», oltre che da un provvedimento di aggravamento della precedente misura cautelare. Per questa ragione l’interessato è stato arrestato e ristretto in carcere, dove rimarrà a disposizione dei Magistrati del Tribunale di Castrovillari.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved