Calabria7

Al Crotone non basta il coraggio: Pavoletti e Joao Pedro decidono lo scontro salvezza

Crotone cagliari

di Antonio Battaglia – Anche oggi qualità, generosità e a tratti bel gioco. Anche oggi, però, un ko che fa malissimo. Finisce 0-2 lo scontro salvezza tra Crotone e Cagliari, con i ragazzi di Stroppa che raccolgono la sesta sconfitta consecutiva (diciottesima stagionale) e consolidano l’ultimo posto in classifica. Come al solito, i rossoblù hanno offerto una prestazione dignitosa ma le classiche ingenuità difensive sono risultate decisive ai fini di uno scontro che potrebbe compromettere seriamente la classifica. Una bocciatura significativa, da archiviare al più presto per concentrarsi sul match di mercoledì contro l’Atalanta.

Primo tempo

Il primo brivido del match lo crea il Crotone dopo un paio di minuti: ripartenza rapidissima con Ounas, apertura a destra per Rispoli tutto solo che mette in mezzo per Di Carmine incapace per un soffio di arrivare sul pallone. Al 4’, è ancora chance per i pitagorici: lancio dalle retrovie di Golemic sulla sinistra, Ceppitelli non chiude la corsa di Messias che lascia rimbalzare due volte il pallone prima di calciarla però alta sopra la traversa. Il Cagliari appare in grossa difficoltà e non riesce a rendersi pericoloso in zona offensiva, a fronte di un Crotone che rimane in pressing alto e limita le giocate degli attaccanti avversari.

Con il passare dei minuti, tuttavia, la retroguardia rossoblù prende le misure agli avversari, che preferisce sempre ragionare con il possesso palla. Le occasioni da gol latitano e nel finale il gioco diventa spezzettato a causa delle lunghe interruzioni causa infortuni (più grave del previsto quello rimediato da Molina, che lascia il campo per l’ingresso di Eduardo Henrique). Al 41’ Rugani chiude provvidenzialmente su Ounas, che cinque minuti dopo prova una conclusione dal limite con il pallone fuori di molto.

Secondo tempo

In avvio di ripresa, il Crotone è molto propositivo e mette alle strette un Cagliari a tratti incapace di uscire dalla propria metà campo. Al 49′ Magallan colpisce bene di testa e obbliga Cragno all’intervento, mentre quattro minuti dopo è Godin a salvare su uno stacco di Eduardo Henrique. Il buon momento degli Squali viene spezzato improvvisamente al 56′, quando Pavoletti raccoglie un cross dalla destra di Lykogiannis e insacca con un bel colpo di testa. Nemmeno il tempo di reagire che il Crotone subisce immediatamente il secondo gol: l’arbitro ravvisa un fallo di Magallan su Pavoletti e comanda il penalty, poi realizzato da Joao Pedro.

Stroppa manda in campo Reca e Simy, il collega ospite risponde con gli ingressi di Simeone e Deiola. Il Crotone non si fa intimorire e insiste alla ricerca del gol: al 67′ Luperto appoggia il pallone per la rincorsa di Ounas, bravo a lasciar partire un sinistro a giro che si stampa sulla base del secondo palo. Otto minuti più tardi il direttore di gara espelle Lykogiannis e gli Squali aumentano i giri del motore con possesso palla prolungato, ma il Cagliari si difende con ordine e prova a portare la palla più lontano possibile dalla propria porta. Nel finale si registra un’altra chance per il Crotone, con una bella conclusione di Pedro Pereira, che chiama Cragno a un grande riflesso per mandarla sulla traversa.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Serie C, Laaribi è un giocatore della Vibonese. Atteso a breve l’annuncio di Vitiello

Antonio Battaglia

Serie C, Catanzaro-Catania 3-0: il commento (VIDEO)

manfredi

Volley, Tonno Callipo al PalaBarton contro Perugia

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content