Calabria7

Alla scoperta di ‘FoodBackItaly’, i due catanzaresi che spopolano sui social

Di Matteo Brancati – I social network, da qualche tempo a questa parte, hanno preso il sopravvento su tutto. Dagli stili di vita, alla moda, passando per il cibo. Si sa, mangiare bene è una prerogativa di ogni italiano che si rispetti anche nel 2019 e, proprio per soddisfare i “palati” di ognuno sono nati i food blogger ma anche i food influencer.

Figure simili, che aiutano le persone a trovare un locale dove il cibo è di ottima qualità con prezzi non esorbitanti.  E la città di Catanzaro può vantare due food influencer molti famosi su tutti i canali social. Loro sono Antonio e Federica i quali, qualche anno fa, hanno deciso di fondare una pagina dal nome alternativo: FoodBackItaly.

Gli stessi, oggi, possono contare su più di 50.000 followers che quotidianamente si affidano a loro per alimentare di piacere gli occhi e le papille gustative, ma anche per prenotare nei ristoranti, pizzerie, locali e altro, sponsorizzati proprio da Anto&Fede.

Calabria 7 ha voluto conoscerli da vicino, scoprendo diverse sfaccettature di due giovani diventati un orgoglio per Catanzaro e l’intera regione.

Ciao ragazzi, com’è nata l’idea di questo progetto?

“Principalmente abbiamo convogliato la nostra passione per il cibo e per i social in un canale che potesse trasmettere quello che noi vediamo e che proviamo nel mangiare cose buone! Prima di aprirla ovviamente abbiamo studiato come poterla rendere coerente con la nostra mission, e soprattutto abbiamo da subito improntato il nostro format”.

Vi aspettavate questo successo?

“Onestamente no, però quando credo fortemente in un progetto e ti dedichi anima e corpo, poi alla fine se l’idea era giusta, i frutti arrivano. Noi dobbiamo tutto innanzitutto ai primi brand e locali che hanno creduto in noi e investito su di noi. Ricordiamo brand come Daniel Wellingotn che collabora con noi ormai da più di un anno. E soprattutto dobbiamo tutto a coloro che ci seguono ( i followers ) che ormai si fidano ciecamente e decidono di prenotare nei posti che consigliamo solo tramite noi”.

C’è mai stato un momento dove avete pensato “Molliamo tutto, stiamo perdendo tempo?”

“Guarda credo di no, perché comunque abbiamo sempre dato la giusta importanza al progetto senza tralasciare i nostri percorsi personali. Io ( Antonio) mi sono laureato in Economia Aziendale e sto continuando a specializzarmi per cercare di apprendere sempre più conoscenze. Federica, dopo aver trascorso un periodo di tempo all’estero, si é laureata con il massimo dei voti, continuando comunque ad arricchire Foodbackitaly”.

Avete un grande rapporto con i vostri follower. Quali sono le cose che chiedono maggiormente?

“Ovviamente le prenotazioni in giro per i locali, e gli sconti annessi, che ormai sanno di trovare solo con noi.
A volte ci fermano per strada per salutarci ma ci sembra un po’ strano quando lo fanno perché non siamo abituati a questa cosa, ma ci fa molto piacere perché ci dimostrano affetto e ci ringraziano per il sevizio che diamo loro”.

Secondo voi, qual è la definizione esatta di food blogger?

“Il food blogger deve raccontare qualcosa di se e sul rapporto col cibo. Ci sono food blogger davvero molto bravi e non ci sentiamo affatto al loro livello. Noi ci definiamo più Food Influencer perché cerchiamo di influenzare le persone nella scelte del locale più adatto a loro”.

Invitate a cena uno dei vostri follower. Cosa cucinereste?

“Considera che noi cuciniamo poco nel nostro canale. Ma probabilmente cucineremo pasta alla Mbruscinata ( pasta , sugo, provola Silana, uova sode e salsiccia calabra) diciamo una pasta leggera (ridono ndr). Oppure probabilmente gnocchetti con pesto, pancetta e pomodoro”

Piatto preferito?

“Quello di Federica , il pesce in generale , ma credo spaghetti con cozze e vongole. Quello di Antonio, hamburger o polpette al sugo”

Piatto che non vi soddisfa?

“Per Antonio la polenta; per Federica le ostriche”.

Quali sono i vostri progetti futuri?

“Innanzitutto vogliamo espanderci nel territorio italiano avendo una fetta di pubblico tra Milano, Torino, Napoli e Roma oltre che la Calabria. Abbiamo già dei contatti con locali in Campania e a Milano quindi sicuramente viaggeremo di più. In più ci sono altre sorprese in vista perché probabilmente ci muoveremo un po’ di più avendo dei partner molto importanti che ci aiuteranno in questa espansione”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Centro calabrese di solidarietà: incontro decisivo (SERVIZIO TV)

manfredi

Bisognano, stanziati fondi per chiesa di Sant’Umile

Matteo Brancati

Auto fuori strada a Catanzaro, mezzo finisce in canalone

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content