Allarme pesticidi in Europa: aumentata drasticamente la contaminazione della frutta fresca

È quanto emerge da un report pubblicato oggi dalla Ong Pesticide Action Network Europe (PAN EU)
Memoria a rischio con poca frutta e verdura, l'ultimo studio

La contaminazione della frutta fresca da parte dei pesticidi più pericolosi è aumentata in maniera drastica in Europa negli ultimi dieci anni. È quanto emerge da un report pubblicato oggi dalla Ong Pesticide Action Network Europe (PAN EU). A partire dal 2011, gli Stati che fanno parte dell’Unione europea hanno iniziato a eliminare gradualmente 55 pesticidi identificati come particolarmente dannosi. Tuttavia, la loro presenza negli alimenti è aumentata notevolmente negli ultimi dieci anni. I risultati emersi dal report rivelano una mancata applicazione delle leggi da parte degli Stati membri a scapito della protezione dei consumatori. L’aumento dell’esposizione va anche nella direzione opposta all’obiettivo di riduzione dei pesticidi della strategia Farm to Fork. PAN Europe e le organizzazioni membri chiedono il divieto diretto dei 12 pesticidi più tossici e l’eliminazione totale di tutti i 55 pesticidi molto dannosi entro il 2030.

In base a quanto è emerso, un terzo delle mele e la metà di tutte le more analizzate presentavano residui delle categorie più tossiche di pesticidi, alcuni dei quali collegati a malattie tra cui cancro, malattie cardiache e deformità alla nascita. I residui sui kiwi sono aumentati dal 4% nel 2011 al 32% nel 2019, con anche la contaminazione delle ciliegie più che raddoppiata dal 22% al 50% nello stesso periodo di tempo. In tutto, l’analisi di quasi 100mila campioni di frutta nostrana popolare in Europa ha rilevato un aumento del 53% della contaminazione da parte dei pesticidi più pericolosi, in nove anni.

In base a quanto è emerso, un terzo delle mele e la metà di tutte le more analizzate presentavano residui delle categorie più tossiche di pesticidi, alcuni dei quali collegati a malattie tra cui cancro, malattie cardiache e deformità alla nascita. I residui sui kiwi sono aumentati dal 4% nel 2011 al 32% nel 2019, con anche la contaminazione delle ciliegie più che raddoppiata dal 22% al 50% nello stesso periodo di tempo. In tutto, l’analisi di quasi 100mila campioni di frutta nostrana popolare in Europa ha rilevato un aumento del 53% della contaminazione da parte dei pesticidi più pericolosi, in nove anni.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
L’uomo, un assistente capo coordinatore 55enne, è morto nella sua abitazione mentre era libero dal servizio
Approvata anche la delibera che amplifica l’accesso dei soggetti fragili non autosufficienti ai servizi di assistenza semi residenziale
Il cadavere dell'uomo, vittima di lupara bianca, fu seppellito nel 2017 nei boschi di Ariola, dove fu rinvenuto nel 2020
Scongiurati ulteriori disagi, le scuole rimaste chiuse oggi nelle aree interessate dai lavori, saranno regolarmente aperte domani
scirocco
La strategia della famiglia Minieri per abbattere i costi e aumentare i profitti sversando i rifiuti anche in mare
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved