All’ospedale di Corigliano-Rossano il primo intervento per il trattamento dello scompenso cardiaco refrattario

L'operazione è stata eseguita su un uomo di 58 anni che sta meglio ed è stato dimesso
scompenso cardiaco

Nell’unità operativa complessa di Cardiologia dell’ospedale di Corigliano-Rossano è stato eseguito il primo intervento per il trattamento dello scompenso cardiaco refrattario su un uomo di 58 anni che sta meglio ed è stato dimesso.

Si tratta di un’operazione innovativa effettuata dalla primaria Silvana De Bonis e dalla sue equipe, ultimo ritrovato per la terapia dello scompenso cardiaco trattato con l’impianto di un device e la terapia “Cardiac Contactility Modulation”, tecnologia in grado di perfezionare la contrattilità del cuore, affetto dalla patologia, tramite la stimolazione del muscolo cardiaco con impulsi elettrici ad alto voltaggio.

Si tratta di un’operazione innovativa effettuata dalla primaria Silvana De Bonis e dalla sue equipe, ultimo ritrovato per la terapia dello scompenso cardiaco trattato con l’impianto di un device e la terapia “Cardiac Contactility Modulation”, tecnologia in grado di perfezionare la contrattilità del cuore, affetto dalla patologia, tramite la stimolazione del muscolo cardiaco con impulsi elettrici ad alto voltaggio.

Rimodulazione del metabolismo del calcio

“Questa modalità di stimolazione – spiega la dottoressa De Bonis – non ha lo scopo di produrre il battito del cuore, come fanno i pacemaker, ma permette una rimodulazione del metabolismo del calcio. Infatti, nel cuore con scompenso, diminuisce l’attività dei geni e delle proteine che favoriscono il rilascio di calcio nella cellula dai depositi. La sua concentrazione intracellulare diminuisce anche la capacità della cellula di contrarsi e del cuore di pompare il sangue nel sistema circolatorio”.

“Con la stimolazione Cardiac Contactility Modulation – fa sapere la primaria – si verifica una riattivazione graduale di geni e proteine che regolamentano la liberazione di calcio nella cellula, incrementandone la disponibilità con un miglioramento della funzione del cuore. La CCM non è un’alternativa al pacemaker che sono utili a stimolare il cuore quando si blocca l’impulso elettrico naturale e quindi il cuore si ferma o rallenta criticamente. Nello scompenso cardiaco, il cuore batte in modo spontaneo ma diminuisce la sua forza di contrazione e quindi perde la sua azione di pompaggio. Un grazie particolare al nostro direttore generale Antonello Graziano – ha concluso il primario della cardiologia di Rossano – sempre attento all’innovazione ed al quale va il nostro plauso per il continuo sostegno e per averci dato la possibilità di portare il nostro reparto a livello dei migliori standard europei di assistenza”.

L’intervento è stato effettuato anche grazie alla collaborazione della Ingegneria clinica dell’Asp di Cosenza diretta da Antonio Capristo.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved