Alunna emarginata in classe perché disabile, scatta l’inchiesta della Procura

Gambizzata a colpi di fucile davanti a un bar nel Vibonese, fratello condannato a 9 anni e 8 mesi

di Gabriella Passariello

Dalla querela all’inchiesta. La Procura di Catanzaro ci vuole vedere chiaro sulla vicenda della ragazzina discriminata a scuola, perché affetta da gravi deficit cognitivi e di deambulazione. Il sostituto procuratore Anna Chiara Reale, che ha aperto un fascicolo di indagine sulla vicenda, al momento contro ignoti, è a caccia di riscontri per stabilire se l’alunna sia stata trattata con indifferenza dai suoi due insegnanti di sostegno, che avrebbero dovuto occuparsi di lei nell’arco dell’orario scolastico che va dalle 9 alle 13 , se è stata lasciata da sola in un angolo di una stanza o costretta per circa 4 ore a stare seduta su una sedia scomoda per lei, senza mangiare, senza essere aiutata a deambulare, aggravando le già precarie condizioni di salute della bambina. Al vaglio del magistrato l’esistenza di presunte ipotesi di abusi, di maltrattamenti o di omissioni su fatti, che in base alla querela della madre, sarebbero stati tutt’altro che sporadici nell’arco dell’anno scolastico.

Dalla querela all’inchiesta. La Procura di Catanzaro ci vuole vedere chiaro sulla vicenda della ragazzina discriminata a scuola, perché affetta da gravi deficit cognitivi e di deambulazione. Il sostituto procuratore Anna Chiara Reale, che ha aperto un fascicolo di indagine sulla vicenda, al momento contro ignoti, è a caccia di riscontri per stabilire se l’alunna sia stata trattata con indifferenza dai suoi due insegnanti di sostegno, che avrebbero dovuto occuparsi di lei nell’arco dell’orario scolastico che va dalle 9 alle 13 , se è stata lasciata da sola in un angolo di una stanza o costretta per circa 4 ore a stare seduta su una sedia scomoda per lei, senza mangiare, senza essere aiutata a deambulare, aggravando le già precarie condizioni di salute della bambina. Al vaglio del magistrato l’esistenza di presunte ipotesi di abusi, di maltrattamenti o di omissioni su fatti, che in base alla querela della madre, sarebbero stati tutt’altro che sporadici nell’arco dell’anno scolastico.

Una storia di emerginazione. Un atteggiamento discriminante, denunciato dalla mamma alla dirigente dell’istituto scolastico, sperando invano che le cose potessero cambiare, ma la bambina continua ad essere emarginata e in occasione di una recita, viene messa in disparte a guardare come spettatrice i suoi compagni recitare. C’è di più. La mamma viene convocata insieme ai suoi insegnanti di sostegno dal Gruppo operativo interno per l’assistenza di base agli alunni con handicap (G.i.o) lo scorso mese di marzo, lei non manca all’appuntamento, mentre i due professori d sostegno sono assenti, giustificandosi di non essere stati avvertiti dalla dirigente. Il G.i.o prescrive ai professori lo svolgimento di alcuni esercizi per agevolare la comunicazione della minore, attraverso lo scambio di immagini, il cosiddetto Pecs. Si tratta di un sistema di comunicazione, che si propone di sviluppare la comunicazione funzionale, attraverso un programma di apprendimento a piccoli passi che comprende sei fasi, ma i professori avrebbero omesso di far svolgere all’alunna diversamente abile questi esercizi indispensabili per consentirle di poter indicare ad esempio la necessità di bere acqua, “mia figlia più volte arrivava a casa assetata”. Una serie di fatti, che parlano di esclusione e di emarginazione, avvenuti all’interno di una struttura deputata all’inserimento sociale, inseriti nero su bianco in una querela consegnata ai carabinieri e firmata dalla madre della piccola alunna disabile, (entrambe assistite dal legale Antonello Talerico), su cui la Procura adesso vuole fare piena luce.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'associazione "Basta Vittime sulla 106" ha invitato i cittadini a visionare il progetto e avanzare "osservazioni capaci di migliorare il progetto"
Il presidente Pennetti ha snocciolato i numeri ed evidenziato la presenza di soli 8 magistrati in servizio sui 12 previsti nella pianta organica
scolacium
"I Catarisano subordinati alle consorterie del Crotonese, ma su Borgia tutti gli appalti e i lavori erano cosa loro"
"Magistratura e forze dell’ordine calabresi restituiscono sicurezza ai territori e libertà ai cittadini e agli imprenditori"
Dopo la colluttazione con un dipendente, lo stesso ha inseguito l'uomo e recuperato la refurtiva. Il rapinatore individuato e arrestato
Nell'elenco l'ex presidente della Provincia di Vibo Bruni e diversi ex dirigenti del Comune. Erano stati tutti assolti ma i familiari delle vittime hanno fatto ricorso
Domani si insedierà il Comitato di coordinamento del Polo formativo territoriale della Scuola nazionale dell'amministrazione della Calabria
L'associazione mette in guardia i consumatori: "Convenienza non è sinonimo di qualità"
Sono stati i compagni di lavoro a lanciare l'allarme. Il lavoratore è morto durante i tentativi di liberarlo da parte dei sanitari del 118
Come sta cambiando quella che era la provincia più mafiosa d'Italia: "Ora serve la consapevolezza di tutti e in certi ambienti ancora non c'è"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved