Ambiente, cittadini contro Comuni del Cosentino per parco eolico

“Il gruppo Ambiente e Territorio di Mongrassano (Cosenza), quale organismo nato a tutela e salvaguardia dell’ambiente e del territorio, prende atto che i comuni di Mongrassano, Cervicati e San Marco Argentano si sono costituiti davanti al Tribunale amministrativo regionale della Calabria – Catanzaro nel giudizio promosso dalla Gamesa Renewable Energy Italy s.p.a. contro l’ordinanza ministeriale di sospensione dei lavori”. Lo si legge in una nota diffusa dal Gruppo Ambiente e Territorio, che si batte contro la realizzazione di un parco eolico che dovrebbe nascere nel cosentino, nel territorio a cavallo tra i Comuni di Mongrassano, Cervicati e San Marco Argentano.

Nel comunicato si afferma che “i lavori del suddetto parco eolico, sono a quanto pare, iniziati con l’autorizzazione unica già scaduta nell’anno 2015 e sono proseguiti fino all’ordinanza di sospensione del 31/05/2019 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali”. Il Gruppo Ambiente e Territorio comunica anche di aver rinnovato nei confronti della Regione Calabria la richiesta di annullamento o revoca dell’autorizzazione unica, “in quanto non utilizzabile per la prosecuzione dei suddetti lavori”. “Pertanto, seppur la popolazione attenda con ansia l’esito del giudizio del Tribunale amministrativo regionale della Calabria – Catanzaro, – si legge ancora – appare necessario informare che qualsiasi tipo di pronuncia non potrà, comunque, sanare le varie irregolarità e decadenze riscontrate dal Gruppo Ambiente e Territorio negli atti autorizzativi, ne’ tanto meno potrà consentire la prosecuzione dei lavori, che devono intendersi ufficialmente terminati in data 12 giugno 2019, come risulta dal decreto regionale del 05/09/2018 di proroga di ultimazione dei lavori”.

Nel comunicato si afferma che “i lavori del suddetto parco eolico, sono a quanto pare, iniziati con l’autorizzazione unica già scaduta nell’anno 2015 e sono proseguiti fino all’ordinanza di sospensione del 31/05/2019 del Ministero per i Beni e le Attività Culturali”. Il Gruppo Ambiente e Territorio comunica anche di aver rinnovato nei confronti della Regione Calabria la richiesta di annullamento o revoca dell’autorizzazione unica, “in quanto non utilizzabile per la prosecuzione dei suddetti lavori”. “Pertanto, seppur la popolazione attenda con ansia l’esito del giudizio del Tribunale amministrativo regionale della Calabria – Catanzaro, – si legge ancora – appare necessario informare che qualsiasi tipo di pronuncia non potrà, comunque, sanare le varie irregolarità e decadenze riscontrate dal Gruppo Ambiente e Territorio negli atti autorizzativi, ne’ tanto meno potrà consentire la prosecuzione dei lavori, che devono intendersi ufficialmente terminati in data 12 giugno 2019, come risulta dal decreto regionale del 05/09/2018 di proroga di ultimazione dei lavori”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
La presidente Nunzia Paese, nominerà l’avvocato nella Cabina di regia regionale con l’obiettivo di dare forza al programma del partito
A metterlo nero su bianco è il ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, nella richiesta per chiedere lo scioglimento 
La mostra fotografica di Pino Bertelli resterà gratuitamente aperta al pubblico fino al 31 maggio e poi gli ulteriori appuntamenti di giugno
Il garante Muglia: "E' perenne emergenza. Troppi i segnali gravi. Bisogna uscire dal circolo vizioso che esiste da un decennio"
Dalle movimentazioni scoperte sul giro di droga alle missive scritte dal dominus dal carcere: gli ulteriori dettagli dell'inchiesta della Dda
Il leader di Azione a sostegno del candidato a sindaco di Vibo Francesco Muzzopappa, ex leghista con diversi leghisti in lista
Dopo mesi di minacce e vessazioni, la vittima resosi conto dell'inganno, ha sporto querela alla Polizia Postale
L'uomo, 66 anni, era caduto nel pomeriggio di ieri in una roggia ingrossata dalle piogge. Si registrano criticità nelle province del Veneto
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved