Calabria7

Ambiente: discariche abusive nel Vibonese, sequestri e sanzioni

arrestati due operai

Denunce e sanzioni nel Vibonese ad opera del Gruppo Carabinieri Forestale di Vibo Valentia.

A Zambrone una denuncia è scattata poiché, in assenza di qualsiasi titolo autorizzativo, su terreno con vincoli ambientali e di inedificabilità, si stava realizzando un percorso sterrato causando l’ostruzione di un tratto del torrente Valle di Petto-Pignara.

A Serra San Bruno, il titolare di una fabbrica di profili lamellari in legno è stato denunciato per aver realizzato un deposito incontrollato di rifiuti speciali, costituiti da scarti di legno e segatura. I rifiuti, quantificati in 90 metri cubi, sono stati sequestrati.

A Spilinga scoperta una discarica a cielo aperto abusiva in conseguenza dell’abbandono sistematico di varie tipologie di rifiuti, costituiti da materiali provenienti da demolizione e di risulta edile, materiale ferroso, plastico, blocchi in cemento armato, terre e rocce da scavo.

A causa della notevole pendenza del terreno i rifiuti rotolavano nella sottostante fiumara Ruffa, in area sottoposta a vincolo idrogeologico, paesaggistico ambientale e Sic (sito di interesse comunitario).

Il sito è stato posto sotto sequestro penale.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Insegna senza abilitazione, maestra calabrese condannata a risarcire oltre 100mila euro

manfredi

San Vito sullo Ionio, Sorical: “Piena potabilità dell’acqua in serbatoio comunale”

Matteo Brancati

Regionali e inchieste, Ferro: “Più strumenti alla politica, una banca dati unica tra le Procure”

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content