Inchiesta “Basso profilo”, ai domiciliari anche un assessore di Santa Severina

C’è anche un assessore del Comune di Santa Severina tra le persone destinatarie della misura cautelare degli arresti domiciliari nell’ambito dell’operazione “Basso Profilo” condotta stamane sotto le direttive della Dda di Catanzaro. Si tratta di Giuseppe Selvino, di 61 anni, dipendente del Consorzio di bonifica Jonio Crotonese, accusato di turbativa d’asta per aver favorito Antonio Gallo, l’imprenditore al centro dell’inchiesta, negli appalti del Consorzio.
Selvino alle elezioni comunali del settembre 2020 è stato candidato al Consiglio comunale con la lista civica “il Borgo”, risultata poi vincitrice permettendo l’elezione a sindaco di Lucio Giordano. Selvino non era stato eletto, ma aveva ottenuto la nomina ad assessore con delega alla frazione di Altilia. Il sindaco Giordano, in seguito all’arresto, ha revocato a Selvino l’incarico di assessore.

Articoli correlati

Covid, casi in aumento a Crotone: il sindaco Voce invita alla cautela

Brogli elettorali a Reggio, Minicuci: “Scenario agghiacciante, amministrazione Falcomatà illegittima”

Comune di Catanzaro, Raffaella Sestito aderisce a Fratelli d’Italia