Calabria7

Anche in Calabria chi bestemmia in pubblico rischia una multa fino a 309 euro

Tempi duri per chi bestemmia. Sui social, ma non solo, sta facendo discutere l’ordinanza del sindaco di Saonara (Padova) che ha imposto ai vigili urbani una multa salata per chi proferisce brutte parole nei confronti di Dio.

Molti, tuttavia, non sanno che anche nel resto dell’Italia, compresa la Calabria, è severamente vietato bestemmiare in pubblico, pena una sanzione amministrativa molto pesante. Nel nostro territorio il vizio di usare frasi blasfeme, anche solo per scherzare, è molto ricorrente.

Ricordiamo che nel Bel paese, la bestemmia non è considerato reato dal 1999, ma esiste una punizione pecuniaria per chi offende Dio (e non Madonna e Santi che non sono considerati divinità) in base all’articolo 57 del codice di procedura penale. La multa per chi bestemmia, infatti, può andare da 51 a 309 euro.

Dunque, per chi usa questo intercalare, da adesso in poi stia attento.

Redazione Calabria 7

(Fonte foto: Leggo)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Droni ambulanza, in Calabria una delle tre città italiane scelte per la sperimentazione

Maria Teresa Improta

Draghi al lavoro sulle nuove misure, si va verso la proroga dello stop agli spostamenti tra Regioni

Antonio Battaglia

Edilizia scolastica, alla Calabria oltre 16 milioni di euro per palestre e mense

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content