18.2 C
Catanzaro
26 Maggio 2019
Calabria7

Angela, neonata ammalata costretta a vivere a viale Isonzo

di Luana Costa

Le mosche ronzano sul pattume lasciato a macerare al sole, attirate dall’odore asfissiante che ha impregnato anche il terreno. Si vive imparando a coabitare con un largo spettro di odori a viale Isonzo. Entrando nel portone del civico 222, si viene assaliti da un tanfo di fogna. Proviene dal sottoscala, una porta chiusa a chiave tiene lontano occhi indiscreti. Ma l’odore filtra ugualmente inondando portone e scale. In condizioni estreme anche per un adulto, vive Angela. Neonata di 16 mesi affetta da una grave malformazione e colpita da gravi crisi respiratorie. L’appello di papà Antonio: “Non possiamo aprire né porte né finestre. Qui non possiamo vivere. Aiutateci ad andare via”.

Articoli Correlati

“Solo per colpa di essere nati”, mostra sulla Shoah al San Giovanni

Carmen Mirarchi

Catanzaro, l’IC Pascoli-Aldisio è una scuola cardioprotetta

manfredi

Amianto, il Comune di Girifalco offre ecoincentivi ai privati per rimozione

Antonia Opipari