Anziana morta in casa: il figlio confessa l’omicidio: “Vivere vicini era diventato impossibile”

Mauro Pedrotti, 54 anni, è in stato di fermo con l'accusa di omicidio volontario premeditato della madre

Risolto nella notte il giallo dell’anziana morta in casa a Puegnago del Garda, nel Bresciano. A uccidere Santina Delai, 78 anni, è stato il figlio che ha confessato davanti ai carabinieri nel corso di un lungo e sofferto interrogatorio al comando provinciale di Brescia. Mauro Pedrotti, 54 anni, è n stato di fermo con l’accusa di omicidio volontario premeditato della madre.

La confessione: “Vivere vicini era diventato impossibile”

La confessione: “Vivere vicini era diventato impossibile”

 Secondo quanto riporta La Repubblica, l’uomo avrebbe spiegato agli inquirenti di essere esasperato dalla convivenza con la madre. “Non ne potevo più – avrebbe detto -. Vivere vicini era diventato impossibile”.

Pedrotti aveva inscenato un furto per allontanare da sé i sospetti

 Era stato proprio lui a dare l’allarme alla polizia, inscenando – come ha spiegato il suo legale, l’avvocato Giovanni Brunelli – un furto degenerato in omicidio nel tentativo di allontanare da sé i sospetti degli inquirenti.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Al momento dell'incendio, nell'abitazione c'era il solo proprietario che non ha riportato alcun danno
La giovane, seguita nel percorso dalla professoressa Marinzia Cordiano, ha brillantemente superato le due fasi
Una scelta che ha ricevuto anche il plauso della famiglia Morricone attraverso una lettera firmata da uno dei figli del maestro
I Vigili del Fuoco lo hanno estratto dalle lamiere insieme ad un altro giovane di venti anni che viaggiava con lui
Alessandro Besentini e Francesco Villa si sono distinti per la capacità di intrattenere gli spettatori con alcuni sketches conosciuti in forma ridotta nei loro programmi tv
La Perla del Tirreno si converte alle vacanze di lusso. Lo scorso anno si sono registrate 500mila presenze e, solo dalla tassa di soggiorno, il Comune ha incassato un milione e 150 mila euro
Fine settimana contrassegnato dall'anticiclone africano soprattutto nelle regioni meridionali
"Difendiamo il prodotto italiano" è lo slogan della mobilitazione degli agricoltori
Tra i rifiuti bruciati c'era anche della plastica, i cui fumi inalati rischiano di provocare un avvelenamento da sostanze chimiche tossiche e danni alla trachea, alle vie respiratorie e ai polmoni
È il modello che viene utilizzato per il versamento di tributi, contributi e premi e permette, nella stessa operazione, anche la compensazione di eventuali crediti
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved