Calabria7

Anziani costretti a dormire tra feci e urine, scoperta casa degli “orrori” a Reggio: 12 indagati

Nas a Catanzaro

Somministrazione di scarse quantità di cibo, anche scaduto e mal conservato, tali da cagionare deperimento e malnutrizione fino a tenere gli ospiti senza riscaldamento e acqua calda o a dare medicinali o psicofarmaci senza consulto medico per rendere “gestibili” o sedare gli ospiti. E’ quanto emerge dall’articolata inchiesta denominata “La Signora” che ha portato all’esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Procura diretta da Giovanni Bombardieri di un’applicazione della misura cautelare personale degli arresti domiciliari nei confronti di due donne, titolari di una casa di riposo abusiva, e di tre loro dipendenti, gravemente indiziati, secondo l’ipotesi investigativa, dei reati di maltrattamenti verso conviventi e abbandono di persone incapaci, aggravati dall’aver cagionato la morte di un ospite. Altri sette soggetti sono stati deferiti in stato di libertà per diversi illeciti penali.

La casa degli “orrori”

Le indagini del Nas condotte da gennaio a maggio 2021, supportate da attività tecniche di intercettazioni telefoniche, acquisizioni e analisi di cartelle cliniche e ispezioni igienico sanitarie, nonché da pedinamenti e osservazioni, sono originate dalla querela di una donna il cui marito, affetto da malattia neurodegenerativa, era deceduto dopo un periodo di degenza nella casa di riposo oggetto di indagine. Si ipotizza che l’uomo sarebbe stato vittima di maltrattamenti e abbandono che avrebbero causato un peggioramento irreversibile della sua condizione clinica fino a giungere al decesso.
Gli accertamenti investigativi avrebbero permesso di ricostruire, allo stato degli atti e fatte salve le successive valutazioni di merito, che le titolari della struttura, sottoposte agli arresti domiciliari, unitamente ai dipendenti (3 sottoposti a misura cautelare e altri 6 deferiti in stato di libertà), avrebbero maltrattato 15 ospiti della casa di riposo, tutti affetti da gravi patologie e non autosufficienti, con plurimi atti vessatori: somministrazione di scarse quantità di cibo, anche scaduto e mal conservato, tali da cagionare deperimento e malnutrizione; somministrazione arbitraria du medicinali, senza consulto medico, e psicofarmaci, tra cui l’Entumin, per rendere “gestibili” e sedare gli ospiti, tanto che agli indagati viene contestato anche l’esercizio abusivo della professione sanitaria; omissioni delle normali pratiche di igiene personale e degli ambienti, in quanto gli anziani sarebbero stati abbandonati e chiusi nelle stanze per cui, in alcuni casi, sono stati costretti così ad espletare i propri bisogni su sé stessi e sul letto dove dormivano, provocando l’aggravamento delle patologie già in essere e cagionando in alcuni casi anche la malattia della scabbia.  Tutti gli ospiti, tra i quali vi erano anziani permanentemente allettati, sarebbero stati gestiti da personale assolutamente inidoneo e privo dei requisiti medici specialistici, infermieristici ed socio assistenziali richiesti, ed inoltre, soprattutto di notte, alla presenza di un solo operatore, tanto che le vittime in alcuni casi sarebbero state costrette a dormire tra le loro feci e urine rimanendo a lungo fradici e sporchi.

Titolari indagate per epidemia colposa

Le titolari, in concorso con la cuoca ed altra dipendente, sono indagate anche per il reato di epidemia colposa in quanto con condotte omissive e negligenti avrebbero agevolato il propagarsi di un focolaio Covid tra gli ospiti, cercando in tutti i modi di nascondere i contagi agli altri dipendenti, ai familiari delle vittime, alla Prefettura ed all’ASL reggina, tanto da rendere necessario un immediato intervento del NAS per avviare le previste misure contenitive e di cura e scongiurare ben più gravi conseguenze, interrompendo i goffi tentativi di occultamento dei casi Covid. Altri due dipendenti sono indagati per sostituzione di persona, in quanto, come avrebbero dimostrato le intercettazioni telefoniche, avrebbero fatto credere ad una anziana signora intenzionata a lasciare la casa di riposo, di parlare al telefono con il figlio, che la rassicurata sulla “buona qualità” dell’assistenza e degli operatori che la curavano., mentre, in realtà si trattava di un dipendente. Tra gli indagati, poi, vi è anche una geometra reggina che, unitamente alle titolari, è stata deferita in stato di libertà per il reato di falsità ideologica, poiché avrebbe attestato falsamente la presenza, presso lo stabile in cui vi era la casa di riposo abusiva, di 4 distinte casa – famiglia
che rispettavano i requisiti minimi strutturali. Contemporaneamente all’esecuzione della misura cautelare personale è stato eseguito il sequestro preventivo della casa di riposo, e gli ospiti sono stati trasferiti presso i familiari o altre strutture socio sanitarie individuate dai Carabinieri e dai servizi sociali del Comune di Reggio Calabria.

LEGGI ANCHE | Anziana muore in casa di riposo abusiva, blitz dei Nas: cinque arresti a Reggio Calabria

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Lei lo lascia, lui gli spara a Tropea e confessa. Il giudice: “E’ pericoloso. Resti in carcere”

Mimmo Famularo

Covid, nuova impennata in Calabria (+19)

Giovanni Bevacqua

“Rimpiazzo”, finisce in carcere Nazzareno Galati: ha collaborato con clan dei “Piscopisani”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content