Calabria7

Appalti ambigui in Calabria, chiesto rinvio a giudizio per il “cerchio magico” (NOMI)

Sono ritenuti responsabili, in concorso, di falso in atto pubblico, rivelazione di segreti d’ufficio, abuso d’ufficio e turbata libertà d’asta. Queste le accuse mosse dalla Procura di Cosenza nei confronti del “cerchio magico” del quale farebbero parte le imprese edili di una coppia di imprenditori e alcuni funzionari della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone.

Appalti ambigui

Ben 40 i capi di imputazioni per lavori pubblici e ristrutturazioni eseguiti su edifici di valore storico tra i quali spicca Palazzo Arnone a Cosenza. Commesse affidate a due ditte riconducibili all’imprenditore Conforti di Rende (una delle due risulta intestata alla moglie Costantina Felicetti) attive nel settore dei beni culturali per le quali si sarebbe proceduto con l’affidamento diretto in somma urgenza senza procedere ad alcun tipo di gara ad evidenza pubblica. Si contesta inoltre la falsificazione di attestazioni, contabilità, verifiche sui cantieri e il completamento di opere non ancora realizzate. In alcuni casi, secondo la Procura, il cerchio magico si sarebbe spinto oltre facendo partire i lavori ancora prima che venissero affidati alla famiglia Conforti. Un meccanismo usato per il 70% dei lavori appaltati dalla Soprintendenza tra il 2014 e il 2018.

Il cerchio magico rischia il processo

Questa mattina innanzia al gup del Tribunale di Cosenza Claudia Pingitore, il pm Giuseppe Cozzolino ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per tutti i nove indagati nell’inchiesta Cerchio Magico. Si tratta di:

Francesco Conforti, Rende (CS) classe 1961

Oscar Nicola Covello, Lattarico (CS) classe 1958

Giuseppe Miccoli, Cassano allo Ionio (CS) classe 1957

Ippolito De Paola, San Giovanni in Fiore (CS) classe 1958

Costantina Felicetti, Rende (CS) classe 1972

Mario Pagano, Torre Annunziata (NA) classe 1958

Francesco Dodaro, Cosenza classe 1968

Rosanna Baccari, Rende (CS) classe 1975

Lino Manna, Civita (CS) classe 1956.

(MTI)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Tutto pronto per realizzare il presepe di sabbia della provincia di Catanzaro

Maria Teresa Improta

‘Ndrangheta, favori a ditta dei clan: 13 indagati a Reggio (NOMI)

Andrea Marino

Viola obbligo di dimora, 20enne catanzarese ai domiciliari

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content