Appalti digitali, 153 sindaci calabresi protestano per multe e crollo delle gare

La nuova procedura doveva semplificare la gestione delle gare, ma il malfunzionamento del sistema gestito dall’ANAC ha arrecato danno agli enti locali
solidarietà

“La digitalizzazione degli appalti pubblici dal 1° gennaio 2024 doveva rappresentare un salto qualitativo verso una gestione più semplice delle gare. Ma si è verificato un blocco operativo per i numerosi malfunzionamenti del nuovo sistema gestito dall’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) a discapito di enti locali e operatori economici. Nonostante gli annunci di ANAC sull’avanzamento del processo digitale, i Comuni continuano a subire ritardi e inefficienze con l’aggravante delle sanzioni nei loro riguardi emesse dalla stessa Anac.” Così in nota il segretario dell’Associazione per la Sussidiarietà e la Modernizzazione degli Enti Locali (Asmel), Francesco Pinto.

La lettera aperta inviata all’Anac

La lettera aperta inviata all’Anac

“Per questo già 153 sindaci hanno condiviso la lettera aperta, indirizzata pochi giorni fa proprio all’Anac dall’Asmel, associazione di oltre 4.400 enti locali, per chiedere un confronto urgente e superare il caos della digitalizzazione nel rispetto dei ruoli degli attori istituzionali coinvolti: quello di vigile ma anche di gestore dell’Autorità e quello di vigilati ma anche di vittime dei Comuni. La lettera, già sottoscritta da 700 sindaci nel resto d’Italia, infatti, evidenzia come l’Autorità che dalla sede romana gestisce male la digitalizzazione, violando obblighi e derogando alle tempistiche del Codice, emette però sanzioni pecuniarie in capo agli enti appaltanti (dal 30 giugno addirittura fino a 10mila euro)”, afferma la nota.

“Ora anche Massimiliano Fedriga, Governatore del Friuli e Presidente della Conferenza delle Regioni, scrive al Presidente dell’ANAC oltre che al Ministro Salvini, allineandosi alle argomentazioni esposte nella lettera aperta dei Sindaci e sottolineando che le stazioni appaltanti rilevano ‘un sostanziale peggioramento nei tempi e nelle modalità di svolgimento di qualsiasi tipo di procedura’”.

“La digitalizzazione partita col piede sbagliato”

“Le 700 sottoscrizioni dei sindaci in così pochi giorni dimostrano che i Comuni sono in prima linea nel sollecitare l’affermazione della digitalizzazione che dovrebbe comportare semplificazione e trasparenza degli appalti, ma che è partita col piede sbagliato rallentando pesantemente l’andamento delle gare. Nell’incontro con ANAC, da noi sollecitato e oggi condiviso anche dal presidente delle Regioni, porteremo proposte concrete per centrare uno degli obiettivi qualificanti del PNRR”, conclude Pinto.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved