Calabria7

Appello tirocinanti MIUR a Regione: “Nostra dignità non deve essere lesa”

Pubblichiamo di seguito la lettera integrale ricevuta da un gruppo di Tirocinanti (Miur).

“Siamo uomini e donne, precari a tutti gli effetti utilizzati dalla Regione come tirocinanti per l’Istruzione (MIUR). Inoltriamo, nuovamente, appello per la ripresa delle attività. La presa di servizio è stata ritardata causando notevoli disagi nelle istituzioni scolastiche e lasciando noi padri e madri di famiglia in una situazione d’incertezza.

Il servizio è quello di assistenza ai disabili nelle scuole con attività concretizzate al favorire una relazione educativa atta a coinvolgere i minori nella loro totalità. Siamo persone, uomini e donne, madri e padri (molti delle quali over 50) la cui dignità non deve essere lesa ma sostenuta da iniziative valide in termini di prospettive di lavoro future per noi e per i nostri figli”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Aopc Catanzaro, varie sigle sindacali al lavoro con la parte datoriale per la stabilizzazione dei precari

Danilo Colacino

Coronavirus: modalità telematica per gestione istanze Mediazione, Arbitrato ed OCC

Mirko

Calpark, Fiom e Cgil: c’è rischio chiusura

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content