Ardita a Non è l’Arena: “Io e Di Matteo vogliamo togliere il potere al Csm”

Il magistrato sulla bufera che ha colpito il Csm: 'Non è la segretaria di Davigo il corvo che ha inviato i verbali contro di me"
ardita

“Sto bene, non ero mai stato abituato a un attentato all’integrità morale. Semmai solo a quella fisica”. E’ quanto dichiara a “Non è l’Arena” Sebastiano Ardita, magistrato e consigliere del Csm, sulla vicenda che lo vede coinvolto nei verbali segreti di Piero Amara riguardanti la presunta loggia segreta “Ungheria”.

“Può capitare nella vita professionale di essere oggetto di una calunnia, il fatto più grave è quello di trovarsi dentro a una serie di fatti che devono essere chiariti: dall’imbustamento della calunnia all’interno di un plico mandato ai giornali fino a una serie di altre situazioni informali” dice il magistrato. “Persone off records dicono che è una storica dipendente, una signora per bene. Lei crede davvero che possa essere lei il corvo, cioè la persona che ha dato i verbali ai giornalisti?”, chiede Giletti. Ma Ardita ribatte: “So che è indagata per questo. Io stento a credere che possa aver partecipato a una cosa del genere. Io ho sempre visto negli occhi di Marcella Contrafatto un atteggiamento, uno sguardo di affettuosa riconoscenza nei miei confronti. Io francamente non riesco a vederla nel ruolo di chi imbusta una calunnia, la manda al dottore Di Matteo e ai giornali con un biglietto contro di me”.

“Può capitare nella vita professionale di essere oggetto di una calunnia, il fatto più grave è quello di trovarsi dentro a una serie di fatti che devono essere chiariti: dall’imbustamento della calunnia all’interno di un plico mandato ai giornali fino a una serie di altre situazioni informali” dice il magistrato. “Persone off records dicono che è una storica dipendente, una signora per bene. Lei crede davvero che possa essere lei il corvo, cioè la persona che ha dato i verbali ai giornalisti?”, chiede Giletti. Ma Ardita ribatte: “So che è indagata per questo. Io stento a credere che possa aver partecipato a una cosa del genere. Io ho sempre visto negli occhi di Marcella Contrafatto un atteggiamento, uno sguardo di affettuosa riconoscenza nei miei confronti. Io francamente non riesco a vederla nel ruolo di chi imbusta una calunnia, la manda al dottore Di Matteo e ai giornali con un biglietto contro di me”.

Il rapporto con Di Matteo

Poi, sul suo rapporto col collega Nino Di Matteo: “Il dato di partenza è che oggi noi due non svolgiamo una funzione di potere nel Csm. Abbiamo firmato un documento per togliere potere e discrezione al Csm, annullare le prerogative dei consiglieri e far in modo che questi ultimi paghino in caso di errori. Non vogliamo una guerra di potere perché non vogliamo il potere, il nostro intento è quello di restituire indipendenza ai magistrati. Noi volevamo essere lo Stato ma ne eravamo anche critici”. (a.b.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved