Calabria7

Armonie d’Arte Festival, dal 9 al 15 settembre Catanzaro diventerà capitale della danza

Cresce l’attesa, mentre fervono i preparativi, per la settimana evento che proietterà la città di Catanzaro sulla scena artistica a livello mondiale. Dal 9 al 15 settembre la città capoluogo diventerà la capitale della danza e più largamente del linguaggio artistico performativo contemporaneo con l’omaggio di Armonie d’Arte Festival alla straordinaria coreografa tedesca, icona per tutto il linguaggio artistico contemporaneo, Pina Bausch, nel decennale della sua morte. Archiviati con successo gli eventi del cartellone 2019, il Festival, diretto da Chiara Giordano, si prepara ad un’intensa settimana di full immersion nel genio insuperato della madre del teatro danza Pina Bausch, che il regista Federico Fellini amava definire “la santa con i pattini a rotelle”.

La settimana evento è stata presentata alla stampa nella sala di Palazzo De Nobili a Catanzaro dal direttore artistico Chiara Giordano, affiancata dal vicesindaco e assessore alla Cultura Ivan Cardamone, dall’assessorato al Turismo Alessandra Lobello, dal capostruttura dell’Assessorato alla Cultura della Regione Salvatore Bullotta, da Maurizio Ferrara direttore generale della Camera di Commercio di Catanzaro. Negli interventi dei relatori è stata fortemente evidenziata la rilevanza assoluta della Settimana Omaggio a Pina Baush, che ha detto Giordano “sta alla danza come Einstein alla scienza, per intuito creativo e genialità di visione”. Nei più prestigiosi circuiti culturali italiani si guarda con il massimo interesse a quello che fra meno di una settimana accadrà nel capoluogo calabrese, come ha avuto modo di sottolineare Bullotta che ha ribadito l’eccellenza di un Festival come Armonie d’Arte, capace di competere con il gotha della cultura a livello nazionale e fuori dai confini italiani. Cultura come volano di sviluppo, come fattore di coesione economica e sociali, anche grazie al coinvolgimento degli operatori turistico-commerciali: su questi due elementi si è concentrato, invece, l’intervento dei partner istituzionali del festival, Comune Camera di Commercio, nelle parole di Cardamone, Lobello e Ferrara.

Dopo quasi dieci anni, la storica compagnia Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch torna in Italia, a Catanzaro, per una premiere italiana dal 13 al 15 settembre al Teatro Politeama con “Since She”, l’ultimo lavoro del più grande coreografo del momento a livello mondiale Dimitris Papaioannou: uno spettacolo siderale che al tempo stesso incanta e commuove per potenza espressiva e per sapienza tecnica. Negli anni Settanta la Bausch ha rivoluzionato la stessa concezione della danza, rompendo gli schemi del balletto tradizionale e istituzionale, mossa dalla ricerca di nuovi orizzonti e opportunità espressive che nella gestualità ripensano la danza come drammaturgia, come metafora, racconto, anima. Nel 2002, in occasione del conferimento della laurea honoris causa all’Università di Bologna, Pina Bausch pronuncerà un discorso che sintetizza perfettamente la sua visione: «Danzare deve avere un fondamento diverso dalla pura tecnica e dalla routine. La tecnica è importante, ma è solo un presupposto. Certe cose si possono dire con le parole, altre con i movimenti. Ma ci sono anche dei momenti in cui si rimane senza parole, completamente perduti e disorientati, non si sa più che fare. A questo punto comincia la danza e per motivi del tutto diversi dalla vanità… Questa è la cosa meravigliosa della danza: il corpo è una realtà senza la quale niente è possibile, ma oltre la quale si deve saper andare…».

“Since She” è l’opera realizzata appositamente per il Tanztheater Wuppertal Pina Bausch da Dimitris Papaioannou, figura poliedrica di artista. Con un background in arti visive, Papaioannu ha goduto dei primi successi come pittore e artista di fumetti, prima di dedicarsi sempre più alle arti dello spettacolo, lavorando come regista, coreografo e performer, oltre che come scenografo, costumista e lighting designer. Nel 1986 ha fondato l’Edafos Dance Theater, che avrà un’influenza duratura sulla scena artistica greca. Papaioannou ha raggiunto la fama internazionale durante le cerimonie di apertura e chiusura delle Olimpiadi estive del 2004 ad Atene. Nell’universo artistico di Papaioannu, assimilabile a un circo assurdo e onirico, i corpi umani diventano un campo di battaglia, interagendo con la materia prima, fondendosi in esseri ibridi e generando illusioni ottiche. Le sue 23 produzioni coprono l’intero spettro delle messe in scena, da pezzi molto intimi a enormi spettacoli con migliaia di artisti. «Un evento culturale e artistico straordinario per la Calabria – ha commentato la direttrice artistica Chiara Giordano – per me, per noi di Armonie d’Arte Festival la settimana omaggio a Pina Bausch è la sfida delle sfide, il cuore della nostra programmazione 2019 che allinea la città di Catanzaro, il suo teatro, il suo centro storico ai più grandi teatri delle capitali del mondo. Tre giorni di spettacolo dal 13 al 15, preceduti e integrati in una settimana di eventi collaterali, con dibattiti, proiezioni, workshop, per conoscere, apprezzare, approfondire la figura di Pina Bausch, con giornalisti ed esperti che arriveranno da tutta l’Italia in Calabria per dare vita a un fermento culturale davvero pregnante e galvanizzante». Tra gli eventi collaterali, ad ingresso gratuito (eccetto il contributo per i workshop), segnaliamo la presenza di Leonetta Bentivoglio, storica firma di La Repubblica e massima esperta di Pina Bausch, il 14 settembre ore 17.00 nel Chiostro del Complesso monumentale San Giovanni per una conversazione con l’artista Dimitris Papaioannou e Leonetta Bentivoglio, di Elisa Iaccarino, giornalista che si è occupata di Pina Bausch con approfondimenti raffinati di parola e di immagini il 15 settembre ore 17.30 al Ridotto del Teatro Politeama con la conferenza dibattito “Tracce, Pina rivelata”, di Patrizia Giancotti, antropologa e giornalista con una grande esperienza di vissuto internazionale con il racconto per immagini “Dal Tarantismo a Pina Bausch” il 12 settembre ore 19.30 al Museo MARCA (segue degustazione a tema) e, infine, Pina nel Cinema da Fellini ad Almodovar e Wim Wenders, a cura di Calabria Film Commission l’11 settembre ore 19.00 a Villa Trieste o Biblioteca Comunale in caso di condizioni metereologiche non favorevoli, con la proiezione del film “Pina” di Wim Wenders. Inoltre è prevista una degustazione/cena su cucina regionale dell’area di Wuppertal a cura dell’Hotel Altavilla la cui proprietarie è una signora tedesca esperta in merito.

Ogni informazione su www.armoniedarte.com

IL PROGRAMMA

Venerdi 13 settembre ore 21.00
Sabato 14 settembre ore 21.00
Domenica 15 settembre ore 19.00
Teatro Politeama di Catanzaro

SINCE SHE
di
DIMITRIS PAPAIOANNOU
con
TANZTHEATER WUPPERTAL PINA BAUSCH

Premiere italiana

ATTIVITA’ COLLATERALI
Centro storico di Catanzaro

10, 11, 12  ore 15.00 settembre – Auditorium Casalinuovo
Workshop di teatro-danza a cura di Giovanni Di Cicco
Partecipazione aperta esaurimento spazi  (contributo euro 50,00)
Un’esperienza particolare ed entusiasmante per tutti giovani delle scuole di danza

10 settembre ore 19.00 – Parco internazionale delle Sculture e della Biodiversità
o Auditorium Casalinuovo in caso di condizioni metereologiche non favorevoli
Performance di danza e poesia di “Passo a due, Omaggio a Pina” di Monica Casadei e Artemis Danza
Ingresso libero
Uno spettacolo di grande poesia nel polmone verde della città e che regalerà  tutta quell’intensità emotiva che la spiritualità alta di Pina Bausch ha insegnato e ancora oggi ispira.

11 settembre ore 19.00  – Villa Trieste o Biblioteca Comunale in caso di condizioni metereologiche non favorevoli
Pina nel Cinema da Fellini ad Almodovar e Wim Wenders
Proiezione del film “Pina” di Wim Wenders e dibattito a cura di Calabria Film Commission
Segue degustazione a tema – Ingresso libero
Arte e Cinema, tra il genio della Bausch e grandi registi,  in un binomio emozionante per tutti

12  settembre ore 19.30 –  Museo MARCA
Racconto per immagini “Dal Tarantismo a Pina Bausch ” di Patrizia Giancotti
Segue degustazione a tema – Ingresso libero
Dal cuore di un’umanità pulsante ed autentica a alla verità artistica, dalla spiritualità popolare a quella del talento creativo, un viaggio ipnotico

13, 14 settembre ore 15.00 – Teatro Comunale
Open Call Warm-up e company repertory a cura della Tanztheater Wuppertal Pina Bausch
Per partecipazione info al 3460290028
Una straordinaria ed unica occasione per i professionisti della danza

14 settembre ore 17.00 – Chiostro del Complesso monumentale San Giovanni
Conversazione con l’Artista: Dimitris Papaioannou e Leonetta Bentivoglio
Ingresso libero
Assistere al dialogo aperto tra il geniale coreografo e l’autorevole giornalista italiana, esperta del mondo bauschiano, diventa un’esperienza culturale unica

15 settembre ore 17.30 –  Ridotto del Teatro Politeama
Conferenza dibattito “Tracce, Pina rivelata” a cura di Elisa Vaccarino
Ingresso libero
Il mondo complesso di Pina Bausch per immagini, racconti, ricordi, e tutto diventa sorpresa e meraviglia.

Redazione Calabria 7

Articoli Correlati

Max Gazzè live gratuito a Rende

manfredi

Catanzaro, nella notte intervento straordinario di disinfestazione in alcuni quartieri

Matteo Brancati

Sanità, Regione: “Decreto governo lede nostre prerogative”

Matteo Brancati