Calabria7

Arte: “Il Sogno di Jacob”, docufilm su Nik Spatari e il Musaba

Un docu-film tra realtà e sogno, tra cultura e natura, su una storia senza tempo e senza spazio che ha preso forma tra le aspre pendici dell’Aspromonte.

E’ stato presentato questa mattina, nella sede della Regione Caabria, a Catanzaro, “Il Sogno di Jacob”, ispirato alla vita artistica di Nik Spatari, fondatore, insieme a Hiske Maas, del “Musaba”, il “Museo Santa Barbara”, laboratorio d’arte unico nel suo genere, nato a Mammola (Reggio Calabria) da un progetto del pittore, scultore e architetto originario del piccolo centro aspromontano. Dopo aver lavorato fuori Calabria, a cavallo tra gli anni ’60 e 70, insieme a Hiske Maas, decise di tornare nel suo paese di nascita per realizzare un museo-laboratorio di arte contemporanea sui resti di un monastero nella Vallata del Torbido, al cui interno è postato il grande affresco tridimensionale del “Sogno di Giacobbe”, uno dei capolavori di Spatari che dà il titolo al docu-film.

L’opera è stata realizzata con i fondi Pac 2014-2020 della Regione Calabria per la valorizzazione del sistema dei beni culturali calabresi, con il sostegno della Fondazione Carica, il patrocinio della Calabria Film Commission e del Parco nazionale dell’Aspromonte, e la produzione dell’associazione culturale “Le sei Sorelle”. La regia del “Sogno di Jacob”, che dura quasi un’ora, è stata realizzata dal cosentino Luigi Simone Veneziano, su soggetto e sceneggiatura di Alessia Principe: tra gli interpreti Francesco Paglino, Enzo De Liguoro, Pino Torcasio e anche lo scrittore Gioacchino Criaco, che in un cameo intervista Spatari parlando della bellezza della grande “ombra lucente, l’Aspromonte”.

Il docu-film, ha spiegato il regista Veneziano, “narra in chiave meta-cinematografica, intervallando momenti reali a frammenti di fiction, la storia di Spatari, il mondo creativo dell’artista calabrese amato da Picasso e Cocteau, il rapporto con la sua terra le lotte sostenute con Hiske Maas per difendere il ‘Musaba’. L’idea del ‘Sogno di Jacob’ è nata due anni fa quando ho conosciuto al Musaba due persone incredibili che vivono in un luogo incredibile, Nik e Hiske, la cui energia mi ha pervaso. Ho così coperto una storia che ti tocca, una storia senza tempo, impersonata da due persone che a un certo punto si trasferiscono da Parigi in questo lembo di Calabria per creare da un rudere un laboratorio-museo, che si innesta poi un un contesto naturale straordinario in modo delicato, rispettandone i contorni. Oggi – ha proseguito il regista Veneziano – sono onorato di averla raccontata, e spero che l’opera possa portare ragazzi in questo posto, che ha bisogno di energie”.

La chiave narrativa scelta dal regista e dallo sceneggiatore è quella di rendere la storia di Spatari, Maas e del Musaba un viaggio onirico nel tempo, fuori dai canoni del documentario classico. Alla presentazione de “Il Sogno di Jacob”, del quale sono stati trasmessi oggi in anteprima il trail e anche alcuni minuti dell’opera, ha partecipato anche Hiske Maas, che l’ha definito “un’ottima iniziativa, per fare conoscere il nostro Musaba, del quale si parla ancora troppo poco”: Hiske Maas ha anche lanciato un appello a prestare maggiore attenzione, anche sul piano istituzionale, a realtà come il “Musaba”.

A sua vota, Gioacchino Criaco ha ricordato la grandezza culturale di Spatari e Maas, “memoria storica dell’arte del Novecento, con Nik che è uno degli artisti contemporanei più grandi in circolazione oggi, purtroppo conosciuto più fuori dalla Calabria che in Calabria: ‘Il Sogno di Jacob’ serve quindi anche a far capire che abbiamo grandi talenti e che c’è una Calabria diversa dai soliti stereotipi, una Calabria positiva e straordinaria sul piano culturale”.

A portare i saluti istituzionali è stata l’assessore regionale alla cultura, Maria Francesca Corigliano, che ha condiviso l’appello della Maas, ricordando che “negli ultimi anni la Regione è stata molto attenta e vicina ai progetti culturali di grande rilievo e capaci di trasmettere l’identità positiva della Calabria, come questo docu-film che mette insieme passato e futuro, fa emergere la grandiosità della storia di Spatari e Maas e anche la necessità di meglio diffondere la presenza del Musaba in Calabria”. La lavorazione de “Il Sogno di Jacob” è iniziata nel maggio 2018 dopo i primi sopralluoghi effettuati al “Musaba” di Mammola un anno prima: le riprese sono state effettuate nel luglio scorso, con la troupe che è rimasta all’interno del “Musaba” per cinque giorni e cinque notti. A partire alle prossime settimane “Il Sogno di Jacob” sarà presentato anche nei principali festival nazionali e internazionali di cinema.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Reggio: riunione tecnico-operativa sullo stato finanziario del Comune

manfredi

In Calabria casting per il film “Terra di Pietre” di Costabile

Mirko

San Giovanni in Fiore, al via “Museo Vivo – laboratori di antichi mestieri”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content