Calabria7

“Nessuna risposta dall’amministrazione”, l’Asd Siano rivuole la struttura del quartiere

“È arrivata l’ora di non stare più zitti, anche in vista della notizia che Catanzaro sarà Città dello Sport 2023, ma vediamo la realtà sportiva oggi. Da diversi mesi combattiamo con l’amministrazione di Catanzaro subendo dei rimbalzi di responsabilità continui. La nostra società, l’Asd Siano, sta chiedendo di riavere il suo centro di aggregazione sportiva e sociale nel quartiere Siano. Ci riferiamo alla struttura sita in via Ferdinandea, struttura sportiva inaugurata nel settembre 2014 dalla stessa Asd Siano tutt’oggi affiliata Figc”. Questa la nota stampa a firma della società sportiva Asd Siano.

“Vincoli di gestione”

“Nel 2016 – si legge – è stata messa a bando ma, probabilmente, non poteva essere messa a bando pubblico in concessione a terzi perché realizzata con un finanziamento europeo concesso dal Por 2007/2013 Fondi Fers (Progetti integrati di sviluppo urbano). I beni patrimoniali comunali realizzati con tali fondi, pertanto, hanno particolari vincoli di gestione del bene comunale. Ma la struttura venne comunque affidata alla società sportiva vincitrice. Nel giugno 2020, in piena pandemia, con una delibera di Giunta, si decide di affidare la struttura provvisoriamente (per un anno, affinché si rifaccia il bando per l’affidamento, perciò scaduta a giugno 2021). Tale struttura, in particolar modo i locali adibiti a spogliatoi e magazzini, risultano essere degradati – come risulta da foto recenti in nostro possesso – e rischiano ancora ad oggi di peggiorare, se nessuno interviene”.

“Nessuna risposta dall’amministrazione”

“Come società sportiva – conclude la nota – abbiamo proposto di prenderci a carico il costo per il ripristino di tali locali e per il rifacimento anche del campo in terra battuta. Abbiamo proposto, inoltre, di creare dei progetti in cui si crei – davvero – aggregazione sociale giovanile, non solo millantando. Non ci sembra molto chiedere che l’unica squadra sportiva del quartiere Siano possa tornare a fare calcio nella struttura del quartiere e, quindi, metterla a disposizione di tutti gli abitanti i quali hanno aderito firmando ad una petizione proposta nel quartiere, raccogliendo più di 400 firme. Cosa che fino ad oggi non è stata così visto le numerose segnalazioni che sono state fatte, anche da ragazzi del quartiere, poichè non potevano andare a giocare visto che la struttura risultava sempre chiusa – ne abbiamo le prove.

L’amministrazione, purtroppo,  ad oggi non ci ha dato alcuna risposta. Anzi… ha fatto di tutto per non dare risposte. Seguirà denuncia a chi di competenza in modo tale da accertare come siano andati i fatti e fare chiarezza sulla vicenda”.

   

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sanità, Cotticelli annuncia dimissioni: “Non faccio il capro espiatorio”

Mirko

Catanzaro, Celia: “La città distrutta dal virus del ricatto politico”

Matteo Brancati

Raffa, Serie A: Città di Rende battuta in casa da Mosciano

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content