Assegnazioni illecite di case popolari a Reggio Calabria, chiuse le indagini

La Dda ha notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari alle 56 persone coinvolte nell’inchiesta che ha portato a 9 arresti
bici studente

La Dda di Reggio Calabria ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari alle 56 persone coinvolte nell’inchiesta che il 14 febbraio scorso ha portato all’esecuzione di nove arresti. Gli indagati sono accusati di avere fatto parte di un’organizzazione che avrebbe gestito assegnazioni illecite di case popolari, in cambio di denaro, a persone che non ne avevano diritto.

L’avviso é stato emesso dal Procuratore della Repubblica, Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Walter Ignazitto e dai sostituti procuratori Sara Amerio, Nicola De Caria e Andrea Sodani. Gli arresti sono stati fatti in esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip. I provvedimenti riguardano, tra gli altri, il boss della ‘ndrangheta, Carmelo Murina, di 60 anni, già detenuto per altra causa, ed il cognato, Giuseppe Agostino, di 54, accusati entrambi di associazione per delinquere di tipo mafioso.

Arrestata l’ex dirigente dell’Aterp

Nell’ambito dell’inchiesta è stata arrestata e posta ai domiciliari l’ex dirigente dell’Aterp di Reggio Calabria, Eugenia Rita Minicò, di 67 anni, accusata di concorso esterno in associazione mafiosa. Secondo quanto é detto nel capo d’imputazione, Eugenia Rita Minicò era “persona a disposizione delle cosche di ‘ndrangheta di Archi e di Santa Caterina per qualunque necessità , in particolare finanziaria, e con un ruolo specifico nell’assegnazione di alloggi di edilizia popolare”. L’ex dirigente dell’Aterp, secondo l’accusa, sarebbe stata in grado di “pilotare le acquisizioni e le assegnazioni degli alloggi, creando una parvenza di legittimità e contribuendo concretamente, in questo modo, al rafforzamento, alla conservazione ed alla realizzazione degli scopi dell’associazione mafiosa”.

Un ruolo di rilievo, nell’ambito dell’organizzazione, sarebbe stato svolto da Giuseppe Agostino, il quale, secondo l’accusa, si sarebbe occupato di individuare, grazie alle sue conoscenze all’interno dell’Aterp, gli alloggi da assegnare alle persone non aventi diritto. Tra le persone che hanno ricevuto l’avviso di conclusione delle indagini ci sono anche due dipendenti comunali, Antonio Nucera, in servizio nel settore Lavori pubblici dell’ente, ed il vigile urbano Francesco Romolo. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Romano Bucci: "Si è trattato di uno scontro di gioco su un cross, uno dei due ragazzi intervenuti ha avuto la peggio con un trauma cranico"
Tra le Regioni con performance ‘intermedie’ nella spesa sviluppo software figura anche la Calabria
l'inviato
Sotto osservazione l’impianto consortile di Acquaro, Arena e Dasà da cinque anni fermo e quello di Pizzo che vomita in mare di tutto
Segnalata diverse criticità nel Catanzarese. I vigili del fuoco impegnati senza sosta anche in provincia di Cosenza
Nei nosocomi San Giovanni di Dio e Mesoraca i reparti allocati al settimo e al secondo piano. Con guasti frequenti agli ascensori
Dietro il giovane si vedono una persona ferita gravemente a terra e i soccorritori che cercano di aiutarla
E' l'iniziativa dell'organizzazione di volontariato "Basta vittime sulla Strada statale 106"
In questa struttura convergono diverse Unità operative: dalla chirurgia alla oncologia, dalla alla radioterapia alla radiologia
Molte le persone che hanno approfittato del caldo per riversarsi in spiaggia e fare il bagno in un mare dalla temperatura gradevole
I tecnici comunali e le squadre dell'impresa sono a lavoro per approntare le più opportune soluzioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved