Calabria7

Assenze ingiustificate all’ospedale di Catanzaro, due medici indagati (NOMI)

di Gabriella Passariello- Nel corso di circa un quadriennio avrebbe accumulato ben 27 settimane di assenze ingiustificate dal servizio, nonostante fossero state regolarmente retribuite. Assenze avvenute con la complicità del suo superiore che avrebbe omesso di applicare regolamenti o di segnalare alle autorità competenti gli “allontanamenti” arbitrari del collega dal posto di lavoro.  Il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Stefania Paparazzo ha chiuso le indagini per due medici in servizio all’ospedale Pugliese-Ciaccio, nei cui confronti si ipotizza il reato di abuso di ufficio aggravato in concorso. Si tratta di Romeo Carnevali, 65 anni, nato a Piombino e residente del capoluogo di regione e Claudio Ceccotti, 71 anni, nato a Napoli e residente a Catanzaro. Dal 2014 fino a novembre 2016 Carnevali,  direttore responsabile della Struttura semplice dipartimentale di Chirurgia orale dell’Azienda ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, secondo le ipotesi accusatorie, si sarebbe assentato senza giustificazione alcuna dal posto di lavoro, procurandosi un ingiusto vantaggio patrimoniale: avrebbe comunque percepito il suo regolare stipendio comprensivo dell’attività lavorativa di fatto non svolta, danneggiando l’Asp di Catanzaro, che da un lato ha sborsato gli emolumenti al camice bianco e dall’altro non ha beneficiato delle prestazioni professionali del dirigente medico nella misura minima prevista dall’orario di lavoro. Tutto questo, in violazione del principio costituzionale di imparzialità della Pubblica amministrazione e di norme che impongono al dipendente pubblico una condotta conforme ai principi di imparzialità dell’azione amministrativa, disattendendo le regole di correttezza, efficienza ed efficacia nello svolgimento del servizio.

Le omissioni del superiore gerarchico

Carnevali però non avrebbe agito da solo nell’assentarsi senza motivo dal lavoro, ma ci sarebbe stato il concorso omissivo del suo superiore gerarchico, il direttore del dipartimento di Neuroscienze Claudio Ceccotti, il quale non avrebbe impedito a Carnevali di ricevere gli emolumenti per un’attività lavorativa mai espletata. Assenze ripetute da Carnevali, secondo la Procura, anche da novembre 2016 al mese di ottobre 2018, sia in qualità di direttore responsabile facente funzioni della Struttura complessa di  Odontostomatologia (dal 3 novembre 2016 al 19 aprile 2018), che in veste di direttore responsabile della Struttura complessa di Odontoiatria e Stomatologia (dal 20 aprile 2018 al 31 ottobre 2018). E anche in questo biennio avrebbe comunque percepito emolumenti per il lavoro non svolto, mentre il suo superiore Ceccotti non avrebbe fatto nulla per denunciare il fatto alla magistratura penale o alla Corte dei conti, bypassando, il regolamento interno dell’Azienda sanitaria provinciale, che impone al dirigente di intraprendere con tempestività le azioni necessarie, inoltrando tempestiva denuncia.  Fin qui le ipotesi di accusa di fronte alle quali gli indagati assistiti dai legali Emmanuele Frangella, Francesco Iacopino, potranno nel termine di venti giorni dalla notifica dell’avviso di conclusione delle indagini presentare memorie difensive, rilasciare dichiarazioni, essere interrogati  dal magistrato titolare del fascicolo e compiere ogni atto utile previsto per legge per l’esercizio del diritto di difesa, prima che il pubblico ministero vada oltre con una richiesta di rinvio a giudizio o di archiviazione.

L’inchiesta e il sequestro

Carnevali, lo scorso mese di febbraio è stato destinatario di un provvedimento di sequestro preventivo ai fini della confisca eseguito dalla Guardia di finanza, dell’importo di  70.572,48, euro emesso dal gip su richiesta della Procura. Le indagini avevano consentito di accertare che lo specialista, pur presentandosi regolarmente in servizio, svolgeva quasi sempre il proprio orario di lavoro in misura inferiore a quella dovuta, allontanandosi senza alcuna giustificazione e senza completare l’orario obbligatorio previsto da contratto in 38 ore settimanali. Inchiesta che mirava a individuare possibili responsabilità nei superiori gerarchici ed oggi oltre al nome di Carnovale, il sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro Stefania Paparazzo ha chiuso il cerchio anche su Ceccotti.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Acquamarina forma le sue volontarie all’attività di sportello

Mirko

DRUG FAMILY| Market della droga nel fortino rom di Catanzaro, 36 indagati (NOMI)

Gabriella Passariello

Catanzaro, genitori puliscono cortile della scuola

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content