Calabria7

Assessore aggredita nel Cosentino per la morte di un paziente in ospedale

“È inammissibile la gravissima aggressione verbale all’assessore comunale Claudia Loria, avvenuta stasera nel corso di una manifestazione pubblica sul diritto alla Salute tenuta nel piazzale dell’ospedale civile e indetta dal consigliere comunale Antonio Barile”. Lo afferma, in una nota, il sindaco di San Giovanni in Fiore, Rosaria Succurro. “L’assessore era lì con la fascia da sindaco, quale segno della presenza e vicinanza dell’amministrazione comunale. Una persona l’ha aggredita, minacciata e del tutto arbitrariamente accusata d’aver provocato, con il resto della giunta comunale, la morte di un paziente deceduto nei giorni scorsi”. “Va condannato — prosegue la sindaca Succurro — il clima di odio che Barile, quale responsabile politico, sta creando ancora una volta a San Giovanni in Fiore, dividendo la comunità locale, non riconoscendo le istituzioni, alzando ogni volta i toni e paventando rischi che non esistono, per esempio la chiusura del servizio 118. Il diritto alla salute non si può tutelare al di fuori del rispetto delle regole democratiche e dei ruoli istituzionali. San Giovanni in Fiore è una comunità pacifica, unita e solidale. Continueremo a difendere i diritti dei cittadini e — conclude Succurro — denunceremo le speculazioni e istigazioni politiche all’odio, che non ha alcuna ragione di essere”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Propaggine, scambio elettorale politico-mafioso: sindaco del Reggino in manette

Mirko

Reggio Calabria, rapinano bar per 17mila euro. Arrestati

manfredi

Coronavirus: a spasso senza motivo, sette denunce a Crotone

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content