Calabria7

Atleta calabrese taglia il traguardo alla maratona di Londra

maratona londra

Nella giornata di ieri, domenica 2 ottobre, alcuni componenti dell’atletica San Costantino Calabro hanno partecipato a due importanti competizioni in Italia e all’estero. Si è svolta, infatti, nella metropoli di Londra la maratona che ha visto ai nastri si partenza Rocco Donato dell’atletica San Costantino Calabro che, con un tempo di 3 ore 45 minuti, ha tagliato il traguardo dei 42 km. Una delle sei maggiori, le più belle famose maratone del mondo, un tracciato cittadino spettacolare che attraversa secoli di storia a pochi passi dai monumenti più famosi della capitale.

A Palmi invece si è svolto il secondo Memorial Palmerino rigitano valevole come settima prova del campionato regionale corsa su strada Grand Prix della Costa Viola, gara di 10 km che ha visto la partecipazione degli atleti Rosario Rotolo (tempo 0:47,32) e Raffaele Mancuso (tempo 0:54, 53) che hanno rispettivamente tagliato il traguardo dei 10 km. Cornice paesaggistica di tutto rispetto il lungomare di Palmi con la sinfonia del mare ha reso molto più agevole la corsa di oltre i 100 partecipanti.

“Si ricomincia dopo il periodo di stop causa la pandemia – scrivono i componenti del sodalizio – e pian piano ci si rimette in corsa per vivere le emozioni che la corsa sa dare, la libertà e il sentirsi tali è alla base del nostro essere. La corsa però ha un altro aspetto a suo favore di grande rilevanza il sentirsi liberi mentre si pratica questa disciplina in un mondo e in una società in cui il giorno dopo giorno il controllo è sempre più pressante e le libertà sono sempre più ristrette. lo sport, e in primis la corsa, sono in grado di regalare momenti ed emozioni che spesso dimentichiamo di poter vivere”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Giardino della memoria a Piscopio in ricordo delle vittime del Covid

Damiana Riverso

Mileto oltrepassa quota 100 casi positivi al Covid, l’allarme del sindaco

Mirko

Aula bunker Lamezia, Camere penali: “Dilaga la cultura del sospetto. Trattati come nemici”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content