Attacco contro una residenza parrocchiale in Nigeria, sacerdote bruciato vivo

Data alle fiamme l'abitazione nella quale l'uomo viveva. Un altro sacerdote è rimasto gravemente ferito
sacerdote nigeria

Attacco in Nigeria contro la residenza parrocchiale della chiesa cattolica di San Pietro e Paolo, a Kafin-Koro, nella regione di Paikoro. Nell’attacco – riporta l’Adnkronos – è stato ucciso un sacerdote, padre Isaac Achi, morto bruciato vivo, ed è rimasto gravemente ferito il confratello padre Collins. Secondo quanto riferito da un portavoce della polizia al giornale ‘Daily Trust’, un gruppo di “banditi” la notte scorsa ha dato alle fiamme l’abitazione nella quale padre Isaac Achi viveva.

“In Nigeria stamane padre Isaac Achi è stato ucciso e bruciato mentre il suo assistente P. Colins Omeh è rimasto gravemente ferito. Padre Isaac era un sacerdote anziano della diocesi cattolica di Minna, Stato del Niger. AcsItalia prega affinché la sua anima possa riposare in pace!” si legge in un tweet di Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs – Italia), Fondazione Pontificia che sostiene i cristiani perseguitati per la loro fede, anzitutto in Iraq e in Siria.

“In Nigeria stamane padre Isaac Achi è stato ucciso e bruciato mentre il suo assistente P. Colins Omeh è rimasto gravemente ferito. Padre Isaac era un sacerdote anziano della diocesi cattolica di Minna, Stato del Niger. AcsItalia prega affinché la sua anima possa riposare in pace!” si legge in un tweet di Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs – Italia), Fondazione Pontificia che sostiene i cristiani perseguitati per la loro fede, anzitutto in Iraq e in Siria.

“Un attacco codardo e disumano” la condanna del vicepresidente del Consiglio e ministro degli Esteri, Antonio Tajani. “Un attacco ancora più efferato e vile perché il sacerdote è morto a seguito dell’incendio appiccato dai terroristi alla sua abitazione”, sottolinea Tajani.

“Esprimo le mie più sentite condoglianze all’intera comunità di fedeli, apprezzando al tempo stesso la pronta risposta delle forze dell’ordine. Auspico che le istituzioni consegnino quanto prima i responsabili alla giustizia, affrontino le cause profonde di questo gesto criminale e rafforzino le misure per la protezione di tutti i cristiani nigeriani – esorta il ministro – Colpire luoghi di culto, simboli religiosi e le persone che in essi credono, significa violare uno dei principali e fondamentali diritti dell’uomo, quello di professare liberamente la propria fede”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
rinascita scott
Da presunto assassino a imprenditore, il profilo di uno dei più potenti boss vibonesi: "Ci dobbiamo mettere giacca e cravatta e senza lavorare..."
Era stato vittima di un'intimidazione nella città pitagorica: quattro i colpi di pistola sparati. Illesi lui e la compagna
Le irregolarità in materia di assunzione sono state scoperte nell'ambito dei controlli avviati in materia di sicurezza sul lavoro
storie
La fece realizzare l’avvocato Giovanni Correale Santacroce, socialista, primo sindaco del capoluogo dopo la caduta del fascismo
Eseguite 10 misure cautelari nei confronti di 4 donne e due uomini che gestivano le minori. Gli incontri avvenivano in un b&b
Il magistrato in aula aveva chiesto la condanna a poco più di un anno di reclusione per l'imputato giudicato con rito abbreviato
il retroscena
L'idea di poter beneficiare di un loro sostegno sotterraneo a discapito del centrodestra? Tutte le contraddizioni di un comizio elettorale
Serie B
La squadra di Vivarini a un passo dal clamoroso sorpasso nel finale con Donnarumma che colpisce il palo. Si deciderà tutto sabato allo Zini
Insussistenti gli addebiti disciplinari che venivano contestati all'ex procuratore aggiunto di Catanzaro già prosciolto dalle accuse a Salerno
"Sempre più numerose le segnalazioni di utenti che denunciano telefonate da parte di presunti rappresentanti di aziende o altri enti"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved