Atti di indagine nelle mani del clan Cerra-Torcasio- Gualtieri, avvocato lametino all’abbreviato

lentini

di Gabriella Passariello

Un’udienza lampo. Giusto il tempo dell’ammissione al rito abbreviato del legale G. C., 47 anni, di Lamezia Terme, accusato di aver fornito strumenti di comunicazione ad un associato del clan Cerra-Torcasio-Gualtieri in modo sistematico dal 10 marzo 2015 sino al 28 aprile del 2017, rito alternativo richiesto dall’avvocato difensore Francesco Gambardella e il gup distrettuale Pietro Carè ha rinviato l’udienza al prossimo 17 luglio.  Secondo il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Elio Romano, il legale G. C. avrebbe messo a disposizione di Antonio Miceli esponente di vertice della cosca dal maggio 2014 in poi, dopo l’esecuzione dell’operazione Chimera, le conoscenze degli atti procedimentali acquisite in occasione dello svolgimento del proprio mandato difensivo di altri affiliati della cosca: Luigi Vincenzini e Pietro De Sarro, arrestati il 26 ottobre 2016 per una vicenda in cui, come emerge dall’operazione Crisalide, sarebbero coinvolti a pieno titolo lo stesso Miceli ed un altro affiliato del clan Pasquale Caligiuri. Sarebbe stato proprio Miceli, interessato come Caligiuri all’acquisizione delle informazioni dei due arrestati, a “invitare” Vincenzini e De Sarro, a nominare come difensore l’avvocato C., anche per monitorare eventuali propositi collaborativi con la giustizia. Il legale lametino avrebbe, inoltre, informato Antonio Miceli, sulle vicende relative alla posizione di Francesco Gigliotti, altro affiliato del clan, arrestato il 7 aprile 2017, e anche lui, sempre secondo la Dda, sarebbe stato sollecitato da Miceli a nominare l’avvocato G. C.. Quest’ultimo avrebbe reso edotto Miceli (in epoca immediatamente anteriore e prossima al 10 marzo 2015) in merito alle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Luciano Arzente su Danilo Fiumara, affiliato al clan. Tutte conoscenze, secondo la Dda, non altrimenti acquisibili in quelle fasi da Antonio Miceli, “soggetto non legittimato formalmente ad avere contezza degli atti medesimi”. L’avvocato lametino, avrebbe quindi, secondo la distrettuale, agevolato la cosca Cerra-Torcasio- Gualtieri, “per quel che concerne il profilo informativo, fornendo strumenti idonei a veicolare dati e conoscenze tra gli associati detenuti e quelli liberi”.

Un’udienza lampo. Giusto il tempo dell’ammissione al rito abbreviato del legale G. C., 47 anni, di Lamezia Terme, accusato di aver fornito strumenti di comunicazione ad un associato del clan Cerra-Torcasio-Gualtieri in modo sistematico dal 10 marzo 2015 sino al 28 aprile del 2017, rito alternativo richiesto dall’avvocato difensore Francesco Gambardella e il gup distrettuale Pietro Carè ha rinviato l’udienza al prossimo 17 luglio.  Secondo il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro Elio Romano, il legale G. C. avrebbe messo a disposizione di Antonio Miceli esponente di vertice della cosca dal maggio 2014 in poi, dopo l’esecuzione dell’operazione Chimera, le conoscenze degli atti procedimentali acquisite in occasione dello svolgimento del proprio mandato difensivo di altri affiliati della cosca: Luigi Vincenzini e Pietro De Sarro, arrestati il 26 ottobre 2016 per una vicenda in cui, come emerge dall’operazione Crisalide, sarebbero coinvolti a pieno titolo lo stesso Miceli ed un altro affiliato del clan Pasquale Caligiuri. Sarebbe stato proprio Miceli, interessato come Caligiuri all’acquisizione delle informazioni dei due arrestati, a “invitare” Vincenzini e De Sarro, a nominare come difensore l’avvocato C., anche per monitorare eventuali propositi collaborativi con la giustizia. Il legale lametino avrebbe, inoltre, informato Antonio Miceli, sulle vicende relative alla posizione di Francesco Gigliotti, altro affiliato del clan, arrestato il 7 aprile 2017, e anche lui, sempre secondo la Dda, sarebbe stato sollecitato da Miceli a nominare l’avvocato G. C.. Quest’ultimo avrebbe reso edotto Miceli (in epoca immediatamente anteriore e prossima al 10 marzo 2015) in merito alle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Luciano Arzente su Danilo Fiumara, affiliato al clan. Tutte conoscenze, secondo la Dda, non altrimenti acquisibili in quelle fasi da Antonio Miceli, “soggetto non legittimato formalmente ad avere contezza degli atti medesimi”. L’avvocato lametino, avrebbe quindi, secondo la distrettuale, agevolato la cosca Cerra-Torcasio- Gualtieri, “per quel che concerne il profilo informativo, fornendo strumenti idonei a veicolare dati e conoscenze tra gli associati detenuti e quelli liberi”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved