Auto del vicesindaco in fiamme, l’amministrazione comunale di Vallefiorita: “Colpiti tutti noi”

"Un fatto grave per la nostra comunità, un affronto ignobile e una offesa verso le istituzioni e chi le rappresenta"
incendio vallefiorita

L’attacco vigliacco perpetrato a danno del Vice Sindaco Giovanni Bruno, al quale sotto casa nella notte tra lunedì e martedì scorsi è stata data alle fiamme la propria autovettura e che solo la tempestività del vicinato ha impedito che le fiamme aggredissero anche  l’abitazione con conseguenze ancora più gravi, colpisce assieme all’amico Giovanni ogni componente di questa amministrazione. Un gesto vile, per il quale auspichiamo che il lavoro degli inquirenti dia risposte concrete per individuare i responsabili, un fatto grave per la nostra comunità, un affronto ignobile ed una offesa verso le Istituzioni e chi le rappresenta, che  condanniamo e stigmatizziamo fermamente e nei confronti del quale siamo pronti a reagire con forza e determinazione”. E’ quanto scrive in una nota l’amministrazione comunale di Vallefiorita.

“Se qualcuno ancora pensa che sia questo il metodo per arginare e bloccare l’impegno, il lavoro e la grande disponibilità di Giovanni Bruno, a cui va tutta la nostra solidarietà e vicinanza,  in favore di una intera comunità, a questo qualcuno rispondiamo a chiare lettere che né l’amico e collega Giovanni Bruno, tantomeno nessuno dei componenti dell’amministrazione comunale, seppur costernato, si farà intimorire o impressionare da tali gesti perpetrati nel tentativo di farci desistere. Tutt’altro! La reazione di ognuno di noi e tutti insieme, da oggi stesso, sarà ancora più veemente e lo stimolo all’impegno sarà ancora maggiore così come la nostra incisività e determinazione a continuare lungo quel credo amministrativo intrapreso senza arretrare di un solo millimetro”.

“Se qualcuno ancora pensa che sia questo il metodo per arginare e bloccare l’impegno, il lavoro e la grande disponibilità di Giovanni Bruno, a cui va tutta la nostra solidarietà e vicinanza,  in favore di una intera comunità, a questo qualcuno rispondiamo a chiare lettere che né l’amico e collega Giovanni Bruno, tantomeno nessuno dei componenti dell’amministrazione comunale, seppur costernato, si farà intimorire o impressionare da tali gesti perpetrati nel tentativo di farci desistere. Tutt’altro! La reazione di ognuno di noi e tutti insieme, da oggi stesso, sarà ancora più veemente e lo stimolo all’impegno sarà ancora maggiore così come la nostra incisività e determinazione a continuare lungo quel credo amministrativo intrapreso senza arretrare di un solo millimetro”.

“Il vice sindaco Giovanni Bruno non è e non sarà solo nella sua battaglia, al suo fianco ognuno di noi  è pronto a contribuire per edificare un muro invalicabile che escluda e metta definitivamente alla porta dalla nostra comunità chi fa della violenza, delle minacce e degli atti intimidatori il proprio personale metodo di rivalsa. L’intera Amministrazione Comunale è quotidianamente impegnata affinchè Vallefiorita si risollevi e si riaccrediti socialmente quale comunità virtuosa retta sui metodi democratici del confronto e della partecipazione, ancorandosi al rispetto delle regole unitamente ai principi di equità e solidarietà sociale. È un impegno preso con la stragrande maggioranza dei Vallefioritesi e terminerà solo nel momento in cui avremmo raggiunto questo obbiettivo. Vallefiorita non intende più tornare indietro e noi sosterremo con i fatti e con ogni sforzo possibile la voglia di andare avanti”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved