Autonomia differenziata, Cgil Cosenza difende mons. Checchinato dagli attacchi della Lega

La presenza dell'arcivescovo al convegno "No all’autonomia differenziata, Si all’Italia unita dei Comuni” non è piaciuto al partito di Salvini

Monsignor Giovanni Checchinato, Arcivescovo di Cosenza – Bisignano, certamente non ha bisogno della difesa né della Cgil e né di qualcun altro. Don Gianni è abbastanza autorevole per difendersi da solo da attacchi strumentali da parte di rappresentanti di uno pseudo partito, la Lega di Salvini, che da tanti anni non sta facendo altro che arrecare danni alla Calabria e a tutto il Mezzogiorno”. Così il segretario generale della Cgil di Cosenza, Massimiliano Ianni, in nota.

“A monsignor Checchinato, così come a tutta la Conferenza Episcopale Calabra, bisognerebbe dire grazie per le continue prese di posizioni a difesa della Calabria e contro ben determinati fenomeni che hanno e che stanno tarpando le ali dello sviluppo in questa nostra Regione. Monsignor Giovanni Checchinato, sin dal suo arrivo in città, quotidianamente sta buttando dei piccoli semi per una ‘nuova primavera’ cosentina, soprattutto per quanto riguarda la tutela degli ultimi e dei tanti invisibili presenti nella nostra città”.

“A monsignor Checchinato, così come a tutta la Conferenza Episcopale Calabra, bisognerebbe dire grazie per le continue prese di posizioni a difesa della Calabria e contro ben determinati fenomeni che hanno e che stanno tarpando le ali dello sviluppo in questa nostra Regione. Monsignor Giovanni Checchinato, sin dal suo arrivo in città, quotidianamente sta buttando dei piccoli semi per una ‘nuova primavera’ cosentina, soprattutto per quanto riguarda la tutela degli ultimi e dei tanti invisibili presenti nella nostra città”.

“Un’azione – prosegue Ianni – fatta in assoluto silenzio, senza clamori, con poche parole e tanti fatti e, soprattutto, senza mai apparire. Sta lavorando, insieme a tutti i vescovi calabresi, per dare una “speranza” a questa terra martoriata e preda di miseri politicanti. In questo contesto si inserisce la forte presa di posizione dell’intera Conferenza Episcopale Calabrese contro l’Autonomia Differenziata, che “creerebbe una forte divisione del Paese e aumenterebbe le diseguaglianze sociali”. Ad avercene di questi uomini liberi che hanno la forza di schierarsi con coraggio e determinazione contro un progetto di legge secessionista e violento!”.

“Dire che Don Gianni è schierato da una parte politica è strumentale e non risponde al vero. Don Gianni è per l’unità del Paese e per la difesa dei più deboli. Don Gianni, con le sue continue prese di posizioni contro l’Autonomia Differenziata, ha fatto e fa quello che tanti politici calabresi dovrebbero fare: difendere la propria terra, difendere il sistema sanitario pubblico, la scuola, il lavoro. Perché con l’autonomia differenziata tutto questo verrà messo in discussione. Viviamo un periodo tra i più drammatici e difficili della nostra storia nazionale e comprendiamo come chiunque voglia misurarsi con il compito, impervio ma necessario, di cambiare la società, da uomini come il vescovo di Cosenza o il vescovo di Cassano”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved