Autonomia differenziata, il Pd: “Ci sono due Occhiuto. Una doppiezza politica che richiama il romanzo di Stevenson”

"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
ospedali calabria

“Sull’autonomia differenziata ci sono due Roberto Occhiuto: quello che accetta muto il baratto, nel centrodestra, della secessione del Paese in cambio del premierato, e quello che ai dibattiti di rilievo nazionale afferma mezze verità, tuttavia guardandosi dal contestare governo e maggioranza Meloni a difesa dei calabresi”. Così, il Partito democratico della Calabria commenta le recenti dichiarazioni sul regionalismo differenziato che il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, ha rilasciato nel corso del forum “Verso Sud” organizzato a Sorrento da “The European House Ambrosetti”.

“Occhiuto – rammentano i dem calabresi – ha detto che il ddl sull’autonomia differenziata approvato dal Senato non creerà opportunità per il Nord e per il Sud, aggiungendo che servono fra i 70 e gli 80 miliardi per finanziare i Lep, i quali vanno prima definiti, per procedere alle intese tra Stato e Regione richiedente. Il presidente della Regione Calabria è dunque consapevole che non va affatto bene l’articolato uscito dal Senato, che per inciso hanno votato tutti i parlamentari del centrodestra eletti in Calabria, aspetto volutamente omesso da Occhiuto. Il quale, poi, non ha trovato la forza né il coraggio di raccontare l’altro pezzo della storia, cioè che l’autonomia differenziata spaccherà inevitabilmente il Paese, aumenterà l’emigrazione sanitaria dalla Calabria e la grave carenza di medici nella regione”. Inoltre – conclude la nota del Partito democratico calabrese – Occhiuto, la cui doppiezza politica richiama per alcuni versi un celebre romanzo di Stevenson, non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che l’autonomia differenziata produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti, e, oltre ai cittadini in generale, penalizzerà le imprese e i professionisti del Mezzogiorno».

“Occhiuto – rammentano i dem calabresi – ha detto che il ddl sull’autonomia differenziata approvato dal Senato non creerà opportunità per il Nord e per il Sud, aggiungendo che servono fra i 70 e gli 80 miliardi per finanziare i Lep, i quali vanno prima definiti, per procedere alle intese tra Stato e Regione richiedente. Il presidente della Regione Calabria è dunque consapevole che non va affatto bene l’articolato uscito dal Senato, che per inciso hanno votato tutti i parlamentari del centrodestra eletti in Calabria, aspetto volutamente omesso da Occhiuto. Il quale, poi, non ha trovato la forza né il coraggio di raccontare l’altro pezzo della storia, cioè che l’autonomia differenziata spaccherà inevitabilmente il Paese, aumenterà l’emigrazione sanitaria dalla Calabria e la grave carenza di medici nella regione”. Inoltre – conclude la nota del Partito democratico calabrese – Occhiuto, la cui doppiezza politica richiama per alcuni versi un celebre romanzo di Stevenson, non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che l’autonomia differenziata produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti, e, oltre ai cittadini in generale, penalizzerà le imprese e i professionisti del Mezzogiorno».

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved