Autonomia differenziata, la commissione bicamerale in Calabria. Occhiuto avverte: “No money, no party”

L'interrogativo del presidente della Commissione bicamerale. "Non capisco perchè l’insurrezione non è stata fatta a monte e si vuole fare a valle"

La commissione parlamentare per le questioni regionali ha avviato nella prefettura di Catanzaro una serie di audizioni disposte nell’ambito dell’indagine conoscitiva per la determinazione del Lep. La Commissione, presieduta dal senatore Francesco Silvestro, di Forza Italia, ascolterà, tra gli altri, il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, e altri rappresentanti istituzionali del territorio calabrese oltre ai rappresentanti delle forze economiche e sociali della regione.
Le prime audizioni sono quelle del presidente della Provincia di Catanzaro, Amedeo Mormile, e del sindaco del capoluogo calabrese, Nicola Fiorita.

Occhiuto: “Nessun pregiudizio ma necessario finanziare diritti sociali e civili”

“Ho sempre detto di non avere alcun pregiudizio nei confronti dell’autonomia differenziata ma ho detto anche che, connesso al tema dell’autonomia differenziata è il finanziamento dei diritti sociali e civili superando la spesa storica. Quindi, ritengo che per realizzare questo progetto e per fare le intese occorreranno 70/80 miliardi. Ho detto più volte ‘no money no party’. Se ci sono i soldi bene se non ci sono i soldi se ne parlerà quando le risorse saranno trovate”.
Lo ha detto il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto parlando con i giornalisti a Catanzaro in relazione alla visita della Commissione bicamerale per le Questioni regionali in Calabria, prima tappa di un’indagine conoscitiva sulla determinazione e sull’attuazione dei Lep.

“La Regione Calabria – ha aggiunto Occhiuto – chiederà di superare il criterio della spesa storica in tutti gli ambiti dove questo criterio è assai ingiusto per i comuni calabresi e questo perché i cittadini di Crotone devono avere gli stessi diritti dei cittadini di Vercelli. Poi molto dipende dall’autorevolezza dei governi regionali e dei gruppi dirigenti locali. Ho letto qualche giorno fa che nel contratto di programma di Anas più della metà delle risorse impegnate in tutta Italia sono destinate alla Calabria”.
“E’ importante che questo tema – ha detto ancora Occhiuto – non venga strumentalizzato nel senso che la Calabria ha bisogno di un investimento massiccio del Governo nazionale e sono molto contento di essere riuscito ad ottenerlo sia per la Statale 106, sia per l’A2 Autostrada del Mediterraneo. Continueremo in questo modo dimostrando che se ci sono governo regionali capaci le risorse si trovano; se ci sono governi regionali che si limitano semplicemente a rivendicare o a stare con il cappello in mano davanti al governo è più complicato determinare processi di sviluppo nel Mezzogiorno”.

Silvestro: “Insurrezione non è stata fatta a monte e si vuole fare a valle”

“Non capisco perchè l’insurrezione non è stata fatta a monte e si vuole fare a valle”. Lo ha detto il presidente della Commissione bicamerale per le questioni regionali Francesco Silvestro, di Forza Italia, parlando con i giornalisti nella Prefettura di Catanzaro, dove la Commissione ha avviato alcune audizioni nell’ambito di un’indagine conoscitiva per la determinazione dei Lep, i livelli essenziali delle prestazioni. “Il nostro obiettivo – ha specificato Silvestro – è proprio ascoltare i territori e non a caso abbiamo scelto, ho scelto per prima, la Regione Calabria per far evidenziare tutte le problematiche, per arrivare ai famosi Lep, livelli essenziali delle prestazioni, e anche per portare all’interno della Commissione la vera coscienza di tenere informati tutto il Parlamento delle condizioni di tutte le regioni d’Italia”.

Silvestro ha poi ricordato che “l’autonomia fa parte della Costituzione italiana e che nel 2001 quando c’era il presidente D’Alema è stato modificato il Titolo V della Carta Costituzionale. Poi ci siamo presentati agli elettori con il nostro programma del centrodestra dove c’è l’autonomia differenziata, quindi era facile andare in direzione della Costituzione italiana. Io credo – ha proseguito il presidente della Commissione parlamentare per le questioni regionali – che questa autonomia differenziata possa essere un’opportunità e poi non è obbligatorio, le Regioni possono anche rifiutare di chiedere le materie e rimanere così come stanno”.
“Il nostro obiettivo – ha spiegato il presidente della Bicamerale – è capire veramente quali sono veramente le materie e dove stanno tutte le difficoltà’”. Quanto alle preoccupazioni su una possibile spaccatura del Paese e su una possibile penalizzazione delle regioni del Sud come la Calabria, Silvestro ha rilevato: “L’autonomia come è stata presentata dal ministro Calderoli è stata completamente stravolta in Commissione del Senato, sono stati approvati centinaia di emendamenti, quindi tutti hanno partecipato, tutti i gruppi politici hanno partecipato, non capisco perchè l’insurrezione non è stata fatta a monte e si vuole fare a valle”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Sempre oggi, in un altro cantiere, si è verificato un incidente in cui due giovani operai sono rimasti gravemente feriti per il crollo di un tetto
"Ad un anno dalla strage - scrive Rete 26 febbraio - non è stato ancora garantito loro il diritto alla verità e alla giustizia e di potersi ricongiungere con le rispettive famiglie"
L'auto fotografata nella mattinata di sabato in sosta nell’area pedonale antistante palazzo Gagliardi, in pieno centro storico
Le borse saranno assegnate ad allievi dai 12 ai 17 anni tramite una lezione-audizione gratuita che si terrà a Cosenza. Ecco come partecipare
Da Ama Calabria grande attenzione per avvicinare i giovani al teatro, con un matinée dedicato alle scuole a Lamezia Terme
Solo negli ultimi due giorni almeno due segnalazioni nel Capoluogo, ma i casi vanno avanti con sempre maggior frequenza in tutta la regione
Giudizio immediato per Figorilli. Sotto inchiesta anche il padre nei cui confronti la Procura procede separatamente
Qualche problema potrebbero averlo alcuni test diagnostici che non sarebbero in grado di identificare correttamente il virus
Lo ha proclamato il sindacato Conapo. "Il nostro è un grido di allarme verso chi, al Ministero dell’Interno, si dimentica troppo spesso della nostra categoria"
La donna inizialmente non si trovava, ma in realtà si era rifugiata in una zona dell'abitazione non toccata dalle fiamme
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved