Azienda Ospedaliera Pugliese – Ciaccio, gli Oss idonei si rivolgono al Consiglio di Stato

"Per porre fine alla vicenda, evitando danni erariali, basterebbe solo utilizzare la graduatoria cosentina attraverso il principio dello scorrimento"
incendio catanzaro

“In riferimento alla nota di stampa diffusa dall’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro (LEGGI QUI),  in relazione alla decisione del TAR Calabria, dobbiamo rilevare nell’interesse dei ricorrenti delle centinaia di idonei della graduatoria di Cosenza, che la decisione dei giudici amministrativi attiene al mero dato formale della più antica graduatoria di Vibo Valentia che mai nessuno ha disconosciuto”. Ad affermarlo in una nota sono gli avvocati Luigi Ciambrone e Antonella Mascaro che seguono la vicenda degli Oss idonei della graduatoria di Cosenza. “In realtà – spiegano i due legali – i ricorrenti hanno lamentato, ottenendo inizialmente il decreto monocratico di sospensione, la circostanza che l’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro avesse dimenticato di citare anche la graduatoria degli idonei di Cosenza. Anzi si era chiesto, in autotutela, che l’Azienda Ospedaliera catanzarese dichiarasse semplicemente che dopo aver esaurito lo scorrimento della graduatoria vibonese, in caso di posti disponibili, iniziasse a chiamare gli idonei cosentini”.

“In riferimento alla nota di stampa diffusa dall’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro (LEGGI QUI),  in relazione alla decisione del TAR Calabria, dobbiamo rilevare nell’interesse dei ricorrenti delle centinaia di idonei della graduatoria di Cosenza, che la decisione dei giudici amministrativi attiene al mero dato formale della più antica graduatoria di Vibo Valentia che mai nessuno ha disconosciuto”. Ad affermarlo in una nota sono gli avvocati Luigi Ciambrone e Antonella Mascaro che seguono la vicenda degli Oss idonei della graduatoria di Cosenza. “In realtà – spiegano i due legali – i ricorrenti hanno lamentato, ottenendo inizialmente il decreto monocratico di sospensione, la circostanza che l’Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro avesse dimenticato di citare anche la graduatoria degli idonei di Cosenza. Anzi si era chiesto, in autotutela, che l’Azienda Ospedaliera catanzarese dichiarasse semplicemente che dopo aver esaurito lo scorrimento della graduatoria vibonese, in caso di posti disponibili, iniziasse a chiamare gli idonei cosentini”.

Ritardo nell’assunzione

“Non si può certo credere seriamente, come voluto dal Pugliese-Ciaccio, – sottolineano Ciambrone e Mascaro – al fatto che il ritardo nell’assunzione sia dipeso dal ricorso degli idonei che, anzi, stanno combattendo per dare dignità al loro concorso. Il management dell’Azienda Ospedaliera Pugliese – Ciaccio avrebbe potuto da subito assumere con un semplice atto deliberativo integrativo che non ha ritenuto di porre in essere. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Comunque gli idonei Oss di Cosenza stanno predisponendo l’appello cautelare al Consiglio di Stato in Roma, attraverso il patrocinio dello studio degli avvocati Ciambrone – Mascaro & partners, che nei prossimi giorni verrà notificato alle amministrazioni coinvolte nella controversia che, come ben sa il management in questione, non si esaurisce con la sola fase cautelare ma con una sentenza di merito. Sino a quando in Regione si continuerà a dimenticare la graduatoria Oss di Cosenza tutte le madri e padri di famiglia idonei, che chiedono solo di poter lavorare, continueranno in questa battaglia legale. Per porre fine, evitando probabili responsabilità erariali, basta solo scrivere nelle delibere che verrà utilizzata la graduatoria cosentina attraverso il principio dello scorrimento. I ricorrenti Oss andranno, per la seconda volta dai Giudici di Palazzo Spada, per far valere proprio questo principio di diritto. Ricorderanno, sicuramente, le amministrazioni in questione che già detto principio è stato confermato grazie proprio a quel ricorso degli idonei di Cosenza”.

LEGGI ANCHE | Graduatorie Oss, il verdetto del Tar: legittimo il comportamento dell’ospedale Pugliese

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
"La coalizione che ha portato Todde al successo - ha detto il capogruppo del Pd al Comune di Catanzaro - è un esperimento da portare ancora avanti a livello territoriale prima e nazionale poi"
Dopo la manifestazione per il decennale, dove sono stati premiati tantissimi donatori, domenica è toccato a quanti non furono presenti
Nato a Catanzaro nel 1952 da padre penalista, Catricalà fu il primo dirigente bipartisan dello Stato nel bipolarismo della seconda Repubblica
Scoperta una vera e propria centrale internazionale di riciclaggio: stimati in circa seimila i 'clienti' della banda
Già consigliere strategico del Ministero della Difesa dal 2012 al 2018, Mergelletti è attualmente Consigliere per le Politiche di Sicurezza e di contrasto al Terrorismo
Gli studenti sono stati selezionati tra quelli "segnalati dagli istituti scolastici calabresi in quanto distintisi per impegno e merito"
Dalle prime informazioni il giovane, di cui non si conoscono le generalità, avrebbe attraversato i binari per raggiungere un altro convoglio
Le indagini avviate dopo la segnalazione dei medici che hanno visitato in ospedale la bimba per dei dolori al basso ventre, scoprendo delle lesioni
Sull'immobile, che occupava quasi 170 metri quadri di area demaniale, la Capitaneria di Porto di Soverato aveva emesso ingiunzione di sgombero già nel 2019
Tra i destinatari dell'interdittiva ci sono un dirigente medico e due infermieri, più un imprenditore di Cosenza
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved