Calabria7

Azione Democratica Catanzaro: “Nostra proposta non venga ignorata”

Catanzaro scala 28 posizioni nella classifica del Sole 24 Ore

La proposta avanzata da Azione Democratica di una fase di “immersione” e di “ascolto” profondo della Città di Catanzaro non deve essere lasciata cadere nel vuoto o nel manieristico rituale che precede o accompagna le fasi congressuali.

Non è, mi è parso di capire, il solito tatticismo di maniera; mi è sembrata, al contrario, l’apertura, vera e sincera, al senso civico alto, alla partecipazione dal basso, ad un contributo svincolato da appartenenze o dalla precostituzione di posizioni di rendita funzionale a pochi eletti o a cerchi che magici non sono.
Avverto, dall’analisi non epidermica che traspare, la necessità di un percorso originale ed in grado di recuperare l’essenza vera della Politica che manca: il recupero della consonanza piena tra il delegato, rappresentante istituzionale o politico che sia, ed il delegante ovvero il cittadino comune e la capacità, per diretta conseguenza, di indicare le strade migliori per sottrarre la nostra Città ad un inesorabile declino che non viene limitato e/o arrestato dal cambio repentino degli equilibri che si compiono soltanto nelle stanze degli alambicchi, dove si esercitano vecchi maghi o nuovi apprendisti stregoni. L’annullamento della speranza e di un orizzonte possibile viene cancellato proprio dalla separatezza tra la vita dentro le istituzioni e quella della agente comune, dei cittadini/utenti di tutti i giorni che non viene colmata neanche dal voto degli elettori nel mentre, fortunatamente, il risveglio delle coscienze viene riattivato, fortunatamente, dal ritorno nelle piazze, dal contatto ,non virtuale e “tastierizzato”, tra le persone, dall’esigenza, ormai diffusa, di fuoriuscire dalle urla e dalla demagogia di chi la “spara” più forte e di ritornare alla concretezza della Politica che nasce dalla conoscenza reale dei problemi e, quindi, di recuperare la sua funzione alta e pedagogica di avanzamento complessivo della società. Io credo che la fase odierna interpella umiltà e capacità di ascoltare attraverso la scelta che mi appare, allo stesso tempo, maledettamente semplice e drammaticamente difficile: far parlare la gente! Questo solo, adesso, dobbiamo fare.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Malore in spiaggia nel Catanzarese, muore 67enne

Matteo Brancati

Castrazione chimica, Lega Salvini Crotone ha raccolto firme per punire pedofili

Matteo Brancati

Catanzaro, Bausone: “Cognome materno per i figli, Dadone vada fino in fondo”

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content