Calabria7

Azione penale contro due giornalisti, avrebbero manipolato l’audio di un giudice di Catanzaro

La Procura della Repubblica di Catanzaro ha esercitato l’azione penale nei confronti di due giornalisti del Quotidiano del Sud “in relazione ai reati di calunnia e di ricettazione in danno di un magistrato oggi in servizio presso il Tribunale di Salerno, Gerardina Romaniello, e di un medico, Fausto Saponara”. Lo ha reso noto oggi lo stesso magistrato. La vicenda è relativa alla consegna alla Procura della Repubblica di Potenza, da parte dell’allora caporedattore centrale dell’edizione lucana de “Il Quotidiano del Sud”, Roberto Marino, di un cd contenente l’audio di una conversazione tra tre persone collegata al caso di una donna morta nell’ospedale San Carlo di Potenza durante un intervento di cardiochirurgia, nel 2013. Una delle tre persone che partecipavano alla conversazione registrata nel cd consegnato alla Procura potentina sarebbe stata Romaniello, allora presidente del Tribunale del Riesame del capoluogo lucano.

Le dichiarazioni del magistrato

Questo il testo della rettifica inoltrata dal magistrato: «La Procura della repubblica di Catanzaro, a seguito di ordinanza del Gip, ha esercitato l’azione penale nei confronti di Roberto Marino e Leo Amato del Quotidiano del Sud, in relazione ai reati di calunnia e di ricettazione, commessi in danno della scrivente e del dr. Fausto Saponara. Quanto alla calunnia, secondo l’imputazione, i due, in concorso tra loro, con esposto verbalizzato presso la Procura della Repubblica di Potenza in data 17.3.2016, incolpavano falsamente la scrivente e il dr. Saponara, dei reati di diffamazione, calunnia e abuso d’ufficio ai danni di Iuele Giuseppe, nonché ai danni di organi aziendali ed istituzionali, con articoli dal contenuto diffamatorio e calunnioso. Nello specifico, attraverso il predetto esposto e gli oltre cinquanta articoli diffamatori, incolpavano falsamente la scrivente e il dr. Saponara di un complotto fasullo, nonostante le misure cautelari applicate per la vicenda dell’exitus e nonostante le segnalazioni ad organi istituzionali; descrivevano falsamente la scrivente come subdola promotrice della carriera del marito, e le addebitavano ingiustamente, quale giudice del Tribunale di Potenza e di Iuele Giuseppe in particolare, di svolgere le sue funzioni con il vizio di un grave pregiudizio ai danni dell’imputato Iuele. A titolo di prova, contestualmente all’esposto, depositavano copia di CD rom, che asserivano falsamente essere pervenuto pochi giorni prima, in forma anonima, presso la redazione di Potenza del Quotidiano del Sud”.

La registrazione manipolata

“Tale CD rom, in realtà, – spiega Romaniello – era stato da loro stessi confezionato in data 15/3/2016 apponendovi la registrazione, clandestinamente effettuata dalla giornalista Cavallo (con il concorso morale e materiale di Iuele Giuseppe), della conversazione dalla stessa avuta, nella data del 16/7/2014, con la scrivente ed il suo coniuge; tale registrazione, soprattutto, era stata dagli stessi imputati Amato e Marino manipolata e alterata, tagliandone preordinatamente le parti iniziale e finale, dalle quali emergeva la presenza e la voce di Iuele, ed il contributo di questi, in concorso con la giornalista Cavallo, nella captazione abusiva del colloquio tra Cavallo, la scrivente e il dr. Saponara e nella istigazione maliziosa da parte della giornalista Cavallo, diretta ad ottenere da parte della scrivente l’espressione di un giudizio personale su Iuele Giuseppe. Quanto alla ricettazione, secondo l’imputazione, Marino e Amato, in concorso, ricevevano da Cavallo Giusi e Iuele Giuseppe il file audio registrato dalla predetta giornalista in data 16/7/2014, provento del delitto di cui agli artt. 167, 5 e 23 del D.lgs. 196/2003, in quanto contenente la registrazione, clandestinamente effettuata dalla predetta Cavallo (con il concorso di Iuele Giuseppe), della conversazione dalla stessa avuta, in data 16.7.2014″.

Perché l’audio sarebbe stato alterato

“Tale condotta – chiarisce Romaniello – era posta in essere al fine di trarne profitto, ed in particolare: al fine di conseguire il delitto di cui calunnia e quello di diffamazione a mezzo stampa, ed incrementare così le vendite del Quotidiano del Sud – Edizione della Basilicata, mediante una campagna stampa scandalistica e violenta; al fine di trarne vantaggio nella causa civile presso il Tribunale di Potenza, che vedeva convenuti Amato e la sua testata per una richiesta di risarcimento danni avanzata contro di loro dal dr. Saponara, in ragione di una precedente campagna di stampa diffamatoria dallo stessa subita ad opera della medesima testata giornalistica: in tale procedimento, infatti, depositavano una trascrizione anonima, parziale ed infedele del file audio in esame, già utilizzato per la pubblicazione di ulteriori articoli lesivi dell’immagine del medico. La presente rettifica si impone a tutela della propria immagine di magistrato, al servizio esclusivo dello Stato, atteso che codesta testata non ha verificato la veridicità in sé della notizia della consegna del cd-rom all’AG, sotto il profilo della completezza, non rivelando la verbalizzazione di un vero e proprio esposto da parte di Marino e, soprattutto, di Amato, gravato da pregressa azione risarcitoria e, dunque, portatore di un interesse personale alla diffusione di notizie calunniose e diffamatorie, onde trarne un ingiusto vantaggio processuale, ed ha invece riportato – in adesione fideistica agli intenti dei protagonisti del piano mediatico in danno di un magistrato – frasi asseritamente testuali della scrivente, deliberatamente avulse dal contesto, dolosamente interpretate in modo ingannevole, capzioso ed ostile, al fine principale di provocare l’intervento del Csm. Proprio il notorio impegno professionale ed il senso dello Stato dimostrati dalla scrivente nell’esercizio delle sue funzioni di Gip e Presidente del Tribunale del riesame di Potenza avrebbero imposto – prima di riportare frasi asseritamente della scrivente, manipolate negli intenti per fuorviare organi istituzionali e danneggiare ingiustamente un magistrato – di verificare preliminarmente la genuinità della registrazione (risultata, invece, alterata con il taglio delle parti iniziali e finali, ove erano evincibili la preordinazione della captazione abusiva in funzione della presenza della scrivente al colloquio e il resoconto della Cavallo all’imputato Iuele), nonché l’attendibilità di tesi del tutto bizzarre, quali la consegna del cd-rom ad opera di un anonimo o quella del trafugamento della registrazione dagli archivi”.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Parco eolico nel Catanzarese, interrogazione parlamentare di Parentela (M5S)

Giovanni Bevacqua

Rinascita Scott, il pentito Arena racconta gli affari al cimitero di Vibo e le tensioni tra clan

Mimmo Famularo

Caldo: ondata in arrivo, fino a 40° al Sud

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content