Bancarotta fraudolenta, assolto un imprenditore di Lamezia

La società è entrata in disequilibrio finanziario dal 2016 per la crisi del settore abitativo e per la difficoltà nel concretizzare una lottizzazione nel territorio di Catanzaro

Il Tribunale di Lamezia Terme ha assolto G.G., amministratore e legale rappresentante della società Edilsystem srl, dalla duplice contestazione di bancarotta fraudolenta.

L’uomo, difeso dall’avvocato Massimiliano Carnovale, con un attivo dall’ultimo bilancio di sette milioni, era stato rinviato a giudizio per diversi fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale e per avere distratto disponibilità liquide per 181.556,46 euro e per non avere consegnato parte dei libri e delle scritture contabili, mentre teneva quelli consegnati così da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio o del movimento degli affari. Con l’aggravante di aver commesso più fatti tra quelli previsti dall’art. 216 L.F. alla data della dichiarazione di fallimento.

L’uomo, difeso dall’avvocato Massimiliano Carnovale, con un attivo dall’ultimo bilancio di sette milioni, era stato rinviato a giudizio per diversi fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale e per avere distratto disponibilità liquide per 181.556,46 euro e per non avere consegnato parte dei libri e delle scritture contabili, mentre teneva quelli consegnati così da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio o del movimento degli affari. Con l’aggravante di aver commesso più fatti tra quelli previsti dall’art. 216 L.F. alla data della dichiarazione di fallimento.

Il Tribunale di Lamezia Terme, in composizione collegiale, con dispositivo di ieri, ha pronunciato la sentenza assolutoria perché il fatto non sussiste con riferimento alla bancarotta fraudolenta patrimoniale e con la formula il fatto non costituisce reato per la bancarotta fraudolenta documentale.

Il disequilibrio finanziario e la crisi del settore abitativo

La società, il cui core business era l’edilizia privata, è entrata in disequilibrio finanziario dal 2016 per la progressiva crisi del settore abitativo e per la difficoltà nel concretizzare una lottizzazione di notevole estensione nel territorio del comune di Catanzaro, e già in pendenza della procedura di concordato preventivo l’impresa risultava destinataria di sequestro probatorio e per l’amministratore venivano disposte le intercettazioni delle conversazioni.

L’amministratore G.G. aveva in precedenza nel 2019 tentato di rimetter in bonis l’azienda dedita al settore immobiliare  mediante la proposizione di una domanda di concordato preventivo.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved